Corte di Cassazione, sezione seconda civile, sentenza 14 febbraio 2018, n. 3581. Non può scattare l’usucapione del cortile se c’è una situazione di compossesso

/, Condominio, Corte di Cassazione, Diritti reali e Condominio, Diritto Civile e Procedura Civile, Sentenze - Ordinanze, Sezioni Diritto, Usucapione/Corte di Cassazione, sezione seconda civile, sentenza 14 febbraio 2018, n. 3581. Non può scattare l’usucapione del cortile se c’è una situazione di compossesso

Corte di Cassazione, sezione seconda civile, sentenza 14 febbraio 2018, n. 3581. Non può scattare l’usucapione del cortile se c’è una situazione di compossesso

Non può scattare l’usucapione del cortile se c’è una situazione di compossesso

Sentenza 14 febbraio 2018, n. 3581
Data udienza 22 novembre 2017

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Presidente

Dott. CORRENTI Vincenzo – Consigliere

Dott. FEDERICO Guido – rel. Consigliere

Dott. COSENTINO Antonello – Consigliere

Dott. CARRATO Aldo – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 5922-2013 proposto da:

(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), rappresentato e difeso dall’avvocato (OMISSIS);

– ricorrente –

contro

(OMISSIS), domiciliata in ROMA ex lege P.ZZA CAVOUR presso la CORTE di CASSAZIONE rappresentata e difesa dall’avvocato (OMISSIS);

(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), rappresentato e difeso dall’avvocato (OMISSIS);

– controricorrenti –

e contro

(OMISSIS);

– intimato –

avverso la sentenza n. 445/2012 della CORTE D’APPELLO di CATANIA, depositata il 13/03/2012;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 22/11/2017 dal Consigliere Dott. GUIDO FEDERICO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. PEPE Alessandro, che ha concluso per il rigetto del ricorso;

udito l’Avvocato (OMISSIS) con delega depositata in udienza dell’Avvocato (OMISSIS), difensore del ricorrente che ha chiesto l’accoglimento del ricorso.

ESPOSIZIONE DEL FATTO

Con atto di citazione notificato il 28.6.2005 (OMISSIS), premesso di essere proprietario di un fabbricato con annesso cortile, conveniva innanzi al Tribunale di Catania i coniugi (OMISSIS) ed (OMISSIS), proponendo nei loro confronti azione di rivendica del cortile, che i convenuti avevano liberamente utilizzato e del quale assumevano di essere proprietari.

I convenuti resistevano, affermando la proprieta’ esclusiva del cortile in contestazione di cui chiedevano, in via riconvenzionale, dichiararsi la loro proprieta’ esclusiva, deducendo, in subordine, di aver in ogni caso acquistato il bene per usucapione.

In corso di causa, intervenivano ex articolo 111 c.p.c. (OMISSIS) ed (OMISSIS), i quali avevano acquistato dal (OMISSIS) il diritto di proprieta’ della casa prospicente il cortile e concludevano per l’accoglimento della domanda.

Il Tribunale di Catania accoglieva la domanda spiegata dai convenuti in via riconvenzionale e dichiarava che questi ultimi erano proprietari, in via esclusiva, del cortile retrostante l’immobile di loro proprieta’, per averlo acquistato con atto del 9 ottobre 1978.

La Corte d’Appello di Catania, in riforma della sentenza di primo grado, dichiaro’ che il cortile era di proprieta’ esclusiva degli appellanti, signori (OMISSIS) e (OMISSIS) e condanno’ i signori (OMISSIS) e (OMISSIS) al rilascio del cortile ed a rimuovere le opere ivi realizzate.

Il giudice di appello, in particolare, accerto’ la mancanza, in capo ai signori (OMISSIS) e (OMISSIS), di un valido titolo di acquisto della proprieta’, non essendo il loro dante causa proprietario del bene.

Ritenne inoltre che i signori (OMISSIS) e (OMISSIS) non avevano provato l’acquisto della proprieta’ del cortile per usucapione, non risultando dimostrato il possesso in via esclusiva, per oltre venti anni, di detto bene. Per la cassazione di detta sentenza ha proposto ricorso, con otto motivi, (OMISSIS), quale erede dei signori (OMISSIS) ed (OMISSIS).

Il (OMISSIS) e la signora (OMISSIS) hanno resistito con controricorso.

Il ricorrente, in prossimita’ dell’odierna udienza collegiale, ha depositato memorie ex articolo 378 codice di rito.

RITENUTO IN DIRITTO

Con il primo motivo di ricorso si denuncia la violazione e falsa applicazione degli articoli 81 e 276 c.p.c. in relazione all’articolo 360 c.p.c., n. 4), deducendo la nullita’ della sentenza per avere omesso di accertare che gli appellanti, signori (OMISSIS) e (OMISSIS), intervenuti nel processo successivamente allo scadere del termine ex articolo 183 c.p.c., erano privi di legittimazione ad impugnare la sentenza di primo grado.

Il motivo e’ infondato.

I signori (OMISSIS) e (OMISSIS) sono infatti, pacificamente, aventi causa dell’originario attore (OMISSIS), per avere da costui acquistato l’immobile prospicente il cortile per cui e’ causa.

Con l’atto di intervento ex articolo 111 c.p.c., comma 3, dunque, essi facevano dunque valere un proprio diritto, ancorche’ nelle conclusioni si siano riportati alle richieste del loro dante causa.

Posto che l’interpretazione della domanda non deve limitarsi al tenore letterale degli atti, ma deve avere riguardo al contenuto sostanziale della pretesa fatta valere (Cass. 21087/2015), non vi e’ dubbio che mediante l’intervento gli acquirenti abbiano inteso far valere, ai sensi dell’articolo 111 c.p.c., il proprio diritto di proprieta’ sul cortile, quale pertinenza ad essi trasferita unitamente all’immobile principale dal (OMISSIS).

Da cio’, la loro legittimazione ad impugnare la sentenza resa nei confronti del proprio dante causa (Cass. 9250 del 2017).

Il secondo motivo denuncia la violazione degli articoli 99 e 112 c.p.c., in relazione all’articolo 360 c.p.c., n. 4), deducendo il vizio di ultra-petizione della sentenza impugnata, per avere la Corte territoriale dichiarato l’inefficacia dell’atto di compravendita, stipulato nel 1978 in favore dei signori (OMISSIS)- (OMISSIS), in assenza di domanda.

Il motivo e’ infondato.

Nel conflitto sulla proprieta’ della res controversa, la validita’ ed efficacia dei rispettivi titoli di acquisto dei contendenti, costituisce infatti accertamento presupposto, che puo’ e deve essere effettuato anche d’ufficio dal giudice, seppure in via incidentale e con effetti limitati al giudizio in cui viene effettuato, al fine di decidere sulla domanda di rivendica del bene.

Non sussiste dunque il dedotto vizio di ultra-petizione, atteso che nelle azioni a difesa della proprieta’ – come pure degli altri diritti reali di godimento, quali diritti autodeterminati – la “causa petendi” si identifica con il diritto fatto valere, ed implica l’accertamento della validita’ ed opponibilita’ a chi agisce in rivendica del titolo fatto valere dalla controparte.

Il terzo motivo denuncia violazione dell’articolo 116 c.p.c., nonche’ l’omessa e contraddittoria motivazione su un punto decisivo della controversia, in relazione all’articolo 360 c.p.c., nn. 3 e 5, lamentando che la sentenza impugnata abbia erroneamente affermato che nessun teste aveva riferito in ordine all’epoca di realizzazione di un manufatto da parte dei signori (OMISSIS) nel cortile per cui e’ causa, ed aver conseguentemente ritenuto il mancato raggiungimento della prova dell’esercizio di un potere di fatto ultraventennale su detto bene.

Il motivo e’ inammissibile per carenza di decisivita’, in quanto non censura tutte le rationes decidendi della statuizione impugnata.

La Corte territoriale, infatti, dopo aver rilevato che nessuno dei testi aveva riferito circa l’epoca della costruzione, ha altresí affermato che, in ogni caso, sarebbe stato eventualmente ravvisabile, in capo ai signori (OMISSIS), una situazione di compossesso, inidonea ai fini dell’usucapione del bene, essendo invece necessaria un’attivita’ incompatibile con il possesso altrui.

Tale ulteriore ed autonoma ratio decidendi della pronuncia non e’ stata specificamente censurata.

Il quarto motivo denuncia la violazione dell’articolo 345 c.p.c., nonche’ l’omessa pronuncia su eccezioni ritualmente formulate, nonche’ l’omessa e contraddittoria motivazione su un punto decisivo della causa, ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., nn. 3 e 5; il ricorrente lamenta in particolare che la Corte abbia omesso di rilevare la novita’ della domanda proposta dai signori (OMISSIS) e (OMISSIS) nell’atto di appello, intrinsecamente diversa da quella fatta valere in primo grado.

segue pagina successiva in calce all’articolo
[…]

Lascia un commento