Corte di Cassazione, sezione seconda civile, ordinanza 5 febbraio 2018, n. 2749. Il giudice non può annullare l’ordinanza ingiunzione e nello stesso tempo far rivivere il verbale di accertamento sussunto nell’ordinanza che dunque perde esecutività

/, Corte di Cassazione, Diritto Civile e Procedura Civile, Sentenze - Ordinanze, Sezioni Diritto/Corte di Cassazione, sezione seconda civile, ordinanza 5 febbraio 2018, n. 2749. Il giudice non può annullare l’ordinanza ingiunzione e nello stesso tempo far rivivere il verbale di accertamento sussunto nell’ordinanza che dunque perde esecutività

Corte di Cassazione, sezione seconda civile, ordinanza 5 febbraio 2018, n. 2749. Il giudice non può annullare l’ordinanza ingiunzione e nello stesso tempo far rivivere il verbale di accertamento sussunto nell’ordinanza che dunque perde esecutività

Il giudice non può annullare l’ordinanza ingiunzione e nello stesso tempo far rivivere il verbale di accertamento sussunto nell’ordinanza che dunque perde esecutività.

Ordinanza 5 febbraio 2018, n. 2749
Data udienza 27 settembre 2017

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETITTI Stefano – Presidente

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Consigliere

Dott. ORICCHIO Antonio – Consigliere

Dott. GRASSO Giuseppe – Consigliere

Dott. SABATO Raffaele – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso 12714-2013 proposto da:
(OMISSIS), elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende;
– ricorrente –
contro
UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO – PREFETTURA DI GENOVA, in persona del Prefetto pro tempore, domiciliato ex lege in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende ope legis;
– controricorrente –
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 27/09/2017 dal Consigliere RAFFAELE SABATO;
lette le conclusioni scritte del P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale SERVELLO GIANFRANCO, che ha chiesto il rigetto del ricorso.
RILEVATO
che:
con sentenza depositata in data 7/12/2012 il tribunale di Genova in composizione monocratica ha, “in parziale accoglimento del 15 motivo di appello annulla(to) l’ordinanza ingiunzione” e “conseguentemente… l’addebito per Euro 5,61 relativo a costi di audizione”, “respinge(ndo) gli ulteriori motivi di appello… confermando le statuizioni di primo grado relativamente ad essi, nonche’ l’esecutivita’ del verbale di infrazione… reso dalla polizia municipale”; tanto in relazione a sentenza con cui il giudice di pace di Genova aveva rigettato opposizione dell’avv. (OMISSIS) avverso ordinanza-ingiunzione emessa dalla locale prefettura a seguito di contestazione da parte della polizia municipale di Genova di accesso a zona a traffico limitato;
avverso detta decisione ha proposto ricorso per cassazione l’avv. (OMISSIS) affidandosi a sette motivi illustrati da memorie, rispetto ai quali la prefettura di Genova ha resistito con controricorso; il p.g. ha concluso per iscritto per il rigetto del ricorso.
CONSIDERATO

segue pagina successiva in calce all’articolo
[…]

Nessun commento

  1. […] Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza n. 1162 del 17 gennaio 2013 […]

Lascia un commento