Consiglio di Stato, sezione quarta, sentenza 22 gennaio 2018, n. 386. I giudizi formulati sugli ufficiali, sottufficiali e militari di truppa dai superiori gerarchici con le schede valutative sono connotati da un’altissima discrezionalità tecnica

0

I giudizi formulati sugli ufficiali, sottufficiali e militari di truppa dai superiori gerarchici con le schede valutative sono connotati da un’altissima discrezionalità tecnica, comportando un attento apprezzamento delle capacità e delle attitudini dimostrate in concreto dal soggetto; essi, pertanto, impingendo direttamente nel merito dell’azione amministrativa, sono soggetti al sindacato di legittimità solo entro i ristretti limiti della manifesta abnormità, discriminatorietà o del travisamento dei presupposti di fatto.

Sentenza 22 gennaio 2018, n. 386
Data udienza 12 dicembre 2017

REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
Il Consiglio di Stato
in sede giurisdizionale Sezione Quarta
ha pronunciato la presente
SENTENZA
sul ricorso numero di registro generale 7734 del 2016, proposto da: Comune di (omissis), in persona del Sindaco pro tempore, rappresentato e difeso dall’avvocato Ma. Ba., domiciliato ai sensi dell’art. 25 c.p.a. presso la Segreteria del Consiglio di Stato in Roma, piazza (…);
contro
Gi. Be. Pe., rappresentato e difeso dagli avvocati Lo. Ba., Fr. Ma., Eu. Gh., con domicilio eletto presso lo studio dell’avvocato Si. Vi. in Roma, via (…); Th. Po. Co. S.r.l., in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa dagli avvocati Lo. Ba., Eu.
Gh., Fr. Ma., con domicilio eletto presso lo studio dell’avvocato Si. Vi. in Roma, via (…); Ze. S.r.l., in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa dagli avvocati Lo. Ba., Fr. Ma., Eu. Gh., con domicilio eletto presso lo studio dell’avvocato Si. Vi. in Roma, via (…)
nei confronti di
Regione Autonoma Valle d’Aosta, in persona del Presidente pro tempore, rappresentato e difeso dall’avvocato Fr. Sa. Ma., con domicilio eletto presso il suo studio in Roma, via (…);
per la riforma
della sentenza del T.a.r. per la Valle d’Aosta, n. 34/2016, resa tra le parti, concernente l’annullamento delle deliberazioni del consiglio comunale di (omissis) 4.8.2015 n. 28, 15.12.2014 n. 28, 15.12.2014 n. 27, 6.9.2013 n. 26 e della Giunta Regionale 24.4.2015 n. 594.
Visti il ricorso in appello e i relativi allegati;
Visti gli atti di costituzione in giudizio di Th. Po. Co. S.r.l., di Gi. Be. Pe., di Ze. S.r.l. e della regione Valle d’Aosta;
Viste le memorie difensive;

segue pagina successiva
[…]