Consiglio di Stato, sezione quarta, sentenza 10 gennaio 2018, n. 90. Le fasce di rispetto individuano dunque le distanze minime a protezione del nastro stradale dall’edificazione e coincidono con le aree esterne al confine stradale finalizzate alla eliminazione o riduzione dell’impatto ambientale

5

Le fasce di rispetto individuano dunque le distanze minime a protezione del nastro stradale dall’edificazione e coincidono con le aree esterne al confine stradale finalizzate alla eliminazione o riduzione dell’impatto ambientale; esse non costituiscono vincoli urbanistici ma misure poste a tutela della sicurezza stradale che, tuttavia, comportano l’inedificabilita’ delle aree interessate e sono a tal fine recepite nella strumentazione urbanistica primaria.

Sentenza 10 gennaio 2018, n. 90
Data udienza 14 dicembre 2017

REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
Il Consiglio di Stato
in sede giurisdizionale
Sezione Quarta
ha pronunciato la presente
SENTENZA
sul ricorso numero di registro generale 8036 del 2016, proposto da:
Fr. Ma., rappresentato e difeso dall’avvocato Sa. Di Cu., con domicilio eletto presso lo studio del difensore, in Roma, via (…);
contro
Comune di (omissis), in persona del legale rappresentante p.t., rappresentato e difeso dall’avvocato Gi. Lu., domiciliato ex art. 25 c.p.a. presso la Segreteria di Sezione del Consiglio di Stato, in Roma, piazza (…);
An. S.p.A., in persona del legale rappresentante p.t., rappresentata e difesa ope legis dall’Avvocatura Generale dello Stato, con domicilio in Roma, via (…);
per la riforma
della sentenza del T.A.R. CAMPANIA – SEZ. STACCATA DI SALERNO: SEZIONE I n. 00608/2016, depositata il 16 marzo 2016, non notificata.
Visto il ricorso in appello con i relativi allegati;
Visti gli atti di costituzione in giudizio del Comune di (omissis) e di An. Spa;
Viste le memorie difensive;
Visti gli atti tutti della causa;
Relatore alla pubblica udienza del giorno 14 dicembre 2017 il Cons. Silvia Martino;
Uditi, per le parti rispettivamente rappresentate, gli avvocati Di Cu., Ur. Ne. (Avvocatura dello Stato) e Po. su delega di Lu.;
Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue.
FATTO e DIRITTO
1. Il sig. Fr. Ma., usufruttuario di un lotto di terreno contraddistinto in n. c.e.u. del Comune di (omissis) al foglio (omissis), particelle (omissis), in zona di rispetto stradale e di rispetto della linea ferroviaria, utilizzata sin dall’anno 2000 come area di recupero e rimozione di autoveicoli su strada sottoposti a sequestro giudiziario, autorizzata oltre che dal Prefetto della Provincia di Salerno anche dal Responsabile A.P.O. Settore attività Produttive del medesimo Comune, con nota prot. n. 44123 del 7.6/11.9/14.11.2013 inoltrava istanza intesa al rilascio di permesso di costruire “un fabbricato destinato ad attività di soccorso stradale e affidamento dei veicoli sottoposti a sequestro, custodia e confisca amministrativa”.

[…segue pagina successiva]