Corte di Cassazione, sezione quinta penale, sentenza 28 dicembre 2017, n. 57699. In caso di falso e furto del dipendente della banca la celebrazione del rito abbreviato nei confronti dell’imputato comporta l’automatica esclusione da questo della banca come responsabile civile

2

In caso di falso e furto del dipendente della banca la celebrazione del rito abbreviato nei confronti dell’imputato comporta l’automatica esclusione da questo della banca come responsabile civile.

Sentenza 28 dicembre 2017, n. 57699
Data udienza 5 luglio 2017

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE QUINTA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BRUNO Paolo Antoni – Presidente

Dott. DE GREGORIO Eduardo – Consigliere

Dott. CATENA Rossella – Consigliere

Dott. MICHELI Paolo – rel. Consigliere

Dott. AMATORE Roberto – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA
sul ricorso proposto da:
– (OMISSIS), nato a (OMISSIS);
– (OMISSIS) s.p.a.;
avverso la sentenza emessa il 10/12/2015 dalla Corte di appello di Milano;
visti gli atti, la sentenza impugnata ed i ricorsi;
udita la relazione svolta dal Consigliere Dott. MICHELI Paolo;
udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. SALZANO Francesco, che ha concluso chiedendo il rigetto dei ricorsi;
udito, per il responsabile civile ricorrente (OMISSIS) s.p.a., l’Avv. (OMISSIS), il quale ha concluso chiedendo l’accoglimento del proprio ricorso e l’annullamento della sentenza impugnata.
RITENUTO IN FATTO
1. Il 10/12/2015, la Corte di appello di Milano confermava la sentenza emessa dal Tribunale di Pavia, in data 22/07/2014, nei confronti di (OMISSIS). L’imputato – funzionario dell’istituto bancario (OMISSIS), filiale di (OMISSIS) – era stato ritenuto responsabile della falsificazione di varie distinte e di correlati prelievi di denaro, operazioni effettuate su un conto corrente bancario intestato a (OMISSIS), deceduta il (OMISSIS): in particolare, secondo l’ipotesi accusatoria, il (OMISSIS) aveva apposto o fatto apporre da terzi la falsa sottoscrizione di (OMISSIS) (erede della (OMISSIS)) su 32 distinte, fra l’ottobre 2008 ed il settembre 2009, periodo in cui il (OMISSIS), persona di minorate capacita’ tanto da essere sottoposto ad amministrazione di sostegno, non aveva titolo ad operare sul conto de quo. Ne era derivata la sottrazione di una somma complessiva pari a 62.740,00 Euro.

[…segue pagina successiva]