Cassazione civile 2017

Corte di Cassazione, sezione II civile, sentenza 21 agosto 2017, n. 20218

Ai fini della ripartizione delle spese condominiali, i valori proporzionali desumibili dalla tabella generale di proprietà sono utilizzati anche per derivarne tabelle ulteriori, utili a ripartire le spese per beni e servizi comuni in relazione all’uso di ciascun condomino. Per cui, con riguardo al rifacimento di balconi, non viola le regole del riparto millesimale il pagamento da parte della società proprietaria di appartamenti con e senza ballatoi che preveda una quota corrispondente soltanto ai millesimi degli appartamenti in cui tali affacci sono presenti, derivata dalla tabella generale.

Sentenza 21 agosto 2017, n. 20218
Data udienza 10 gennaio 2017

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MIGLIUCCI Emilio – Presidente

Dott. CORRENTI Vincenzo – Consigliere

Dott. FEDERICO Guido – Consigliere

Dott. GIUSTI Alberto – Consigliere

Dott. SABATO Raffaele – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 22830-2012 proposto da:

CONDOMINIO (OMISSIS), (OMISSIS), IN PERSONA DELL’AMM.RE, elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall’Avv. (OMISSIS);

– ricorrente –

nonche’ da:

(OMISSIS) SRL, P.I. (OMISSIS), IN PERSONA DEL LEGALE RAPP.TE P.T., elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso STUDIO (OMISSIS), rappresentata e difesa dall’avvocato (OMISSIS);

– controricorrente e ricorrente incidentale –

avverso la sentenza n. 83/2012 della CORTE D’APPELLO di Lecce – SEZ.DIST. DI di TARANTO, depositata il 20/02/2012;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 10/01/2017 dal Consigliere Dott. RAFFAELE SABATO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. DEL CORE Sergio, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

FATTI DI CAUSA

1. – Il tribunale di Taranto, revocati due decreti ingiuntivi emessi su ricorsi depositati il 7/7/1998 dal condominio di via (OMISSIS) dal locale pretore cui il tribunale era succeduto, ha accolto in parte le opposizioni della (OMISSIS) s.r.l. e condannato la stessa al pagamento ridotto a lire 894.752 pari a Euro 462,10.

2. – Pronunciando sull’appello proposto dal condominio onde vedere condannata la condomina a maggiori oneri per rifacimento dei balconi, sulla resistenza della (OMISSIS) s.r.l. che ha spiegato appello incidentale onde far valere l’inammissibilita’ o’ della piu’ ampia pretesa avanzata dall’opposto nel giudizio di opposizione, la corte d’appello di Lecce – sezione distaccata di Taranto – ha rigettato entrambi i gravami.

2.1. – In ordine all’appello principale, la sentenza d’appello ha ritenuto corretto che, essendo la s.r.l. proprietaria non solo di appartamenti “al primo e al secondo piano dotati di balconi, ma anche di locali al piano terra e al piano scantinato che ne erano privi, gli oneri per rifacimento dei balconi venissero computati, come affermato dal tribunale, sui soli millesimi di proprieta’ corrispondenti alle unita’ munite di tali accessori, stante anche l’assenza di prova circa l’avere i lavori riguardato i frontalini comuni. In ordine all’appello incidentale, la corte di merito ha ritenuto ammissibile che il condominio opposto, in sede di sua costituzione nel giudizio di opposizione, spiegasse domanda in ampliamento della somma pretesa in sede monitoria.

3. – Avverso tale decisione ha proposto ricorso per cassazione il condominio su due motivi, al quale ha resistito la s.r.l. con controricorso contenente ricorso incidentale condizionato su un motivo. A quest’ultimo ha replicato a sua volta con controricorso il condominio, che ha altresi’ depositato memoria.

3.1. – Con ordinanza depositata il 20.3.2017 questa corte, all’esito dell’udienza pubblica del 10.1.2017, rilevato che oggetto di discussione e’ il riparto operato in base alla sentenza impugnata, ha sottoposto ex articolo 384 c.p.c., comma 3, al contraddittorio “tra le parti” la circostanza, rilevabile d’ufficio, che le somme assunte come,dovute deriverebbero, in base al contenuto del ricorso, e comunque in base agli atti, da delibere dell’assemblea del condominio – a quanto consta non impugnate – per causali (almeno parzialmente anche) diverse da quelle indicate dalle parti (v. menzione alla p. 1del ricorso delle delibere del 7.4.98, 10.3.98, 21.4.98 e 19.5.98 relative a saldo chiusura esercizio, sostituzione serbatoi acqua, sostituzione porte di accesso, lavori di pitturazione facciata e compensi ing. (OMISSIS), oltre ripristino balconi), sulla base delle quali erano stati ottenuti i decreti ingiuntivi. Ex articolo 384 c.p.c., comma 3, ha depositato ulteriore memoria il condominio in data 30.3.2017.

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. – Con il primo motivo del ricorso principale – in effetti costituito da due censure – il condominio ricorrente deduce: a) violazione di legge in riferimento agli articoli 1117 e 1123 cod. civ. nella parte in cui l’impugnata sentenza, nell’addossare alla s.r.l. un onere di contribuzione proporzionato ai 112 millesimi figuranti nella tabella millesimale generale della proprieta’ in relazione alle unita’ dotate di balcone, esentandola per le ulteriori unita’ prive di balconi con 90 millesimi, avrebbe erroneamente fatto riferimento a una tabella concepita per il riparto delle spese su parti comuni, a fronte del non essere i balconi parti comuni, lasciando peraltro scoperta una parte della spesa in quanto il totale delle unita’ dotate di balconi assommerebbe a un numero di millesimi inferiore a mille; erroneamente poi, sull’assunto del difetto di prova che i balconi si integrassero nella facciata, la sentenza impugnata avrebbe trascurato che tale integrazione e’ evidente nella parte riferibile ai frontalini; b) vizio di motivazione in relazione all’uso di tabella relativa a parti comuni in assenza del relativo requisito, con contraddittorieta’ in ordine al ragguaglio dei millesimi e all’esclusione di alcuni condomini dagli oneri pur a fronte del doversi presumere che parte della spesa concernesse i frontalini comuni.

2. – Con il secondo motivo il condominio lamenta violazione della norma processuale di cui all’articolo 112 cod. proc. civ., per avere lo stesso proposto motivo di appello, non esaminato dalla corte territoriale, con cui aveva fatto valere l’erroneita’ della sentenza di primo grado nella parte in cui d’ufficio, e quindi senza istanza di parte, era stato escluso l’obbligo di contribuzione per le unita’ immobiliari prive di balconi.

3. – Con l’unico motivo di ricorso incidentale condizionato, anch’esso articolato in effetti su due separate censure, la s.r.l. condomini ha dedotto, in via condizionata, violazioni della norma processuale dell’articolo 112 cod. proc. civ. per omesse pronunce: a) sull’eccezione, sollevata nella comparsa di costituzione in appello, di inammissibilita’ dell’appello sollevato dal condominio, per non essere stato mai autorizzato dall’assemblea, neppure in via di ratifica, l’amministratore a proporre l’impugnazione; b) su altra eccezione, sempre ivi sollevata, relativa al mutamento della causa petendi realizzato con l’atto di appello, riferito a pagamento di opere in ragione della proprieta’ esclusiva di 4 balconi, rispetto al thema decidendum originario costituito dal pagamento di opere edilizie, riguardanti anche i balconi, in ragione della titolarita’ di millesimi nella tabella generale (indicati originariamente in sede monitoria come 305,2 millesimi, che, con le opposizioni in primo grado, la societa’ ha fatto valere come erroneamente conteggiati, essendo essa titolare di 202 millesimi nella tabella generale).

4. – Il primo motivo del ricorso principale, in entrambe le sue censure, e’ inammissibile.

4.1. – Invero, la sentenza impugnata – che pur ha pronunciato nei limiti della devoluzione, avendo il condominio appellato la sentenza di prime cure solo in ordine alle questioni relative al riparto delle spese deliberate dall’assemblea concernenti il rifacimento dei balconi – non ha affrontato in alcun modo la circostanza, evincibile dal contenuto del ricorso e in parte dalle premesse della sentenza gravata, e comunque in base agli atti, del derivare il credito oggetto di lite da delibere dell’assemblea del condominio – non impugnate per dichiarazione dello stesso condominio (cfr. memoria depositata il 30.3,2017) – per causali (almeno parzialmente anche) diverse da quelle ora indicate dalle parti (v. menzione alla p. 1 del ricorso delle delibere del 7.4.98, 10.3.98, 21.4.98 e 19.5.98 relative a saldo chiusura esercizio, sostituzione serbatoi acqua, sostituzione porte di accesso, lavori di pitturazione facciata e compensi ing. (OMISSIS), oltre ripristino balconi), sulla base delle quali erano stati ottenuti i decreti ingiuntivi. Correlativamente rispetto a tale dato – oggetto di sottoposizione al contraddittorio giusta ordinanza interlocutoria di questa corte – la parte ricorrente avrebbe dovuto dedurre, anche in appello, l’eventuale erroneita’ della sentenza di primo grado, che gia’ essa appare avere trasferito il thema decidendum sul diverso piano, non del tutto confacente ai fatti di causa, dello spettare o meno, in tutto o in parte, i pagamenti anche ai titolari delle unita’ immobiliari dotate di balconi; la parte ricorrente, poi, innanzi a questa corte avrebbe dovuto precisare – una volta appurato, come detto, l’oggetto delle delibere dispositive dei pagamenti, eventualmente solo in parte relative al rifacimento di balconi – le critiche giuridiche piu’ adatte alla situazione processuale venutasi a creare, ponendo anche in luce le proprie istanze ed eccezioni che, nei giudizi di merito, avessero vanamente indirizzato a corretta trattazione petitum e causa petendi. In assenza di tali requisiti, il motivo di ricorso – esclusivamente concentrato sulle questioni del ragguaglio millesimale in relazione all’essere o non le unita’ dotate di balconi – non si presenta confacente ai fatti di causa, pur se solo parzialmente mediati nella sentenza impugnata, in relazione all’essere fondati i crediti su delibere assembleari non impugnate (che, ad esempio, ben avrebbero potuto essere fondate sul ritenere, per la parte concernente il rifacimento dei balconi, le opere incidenti sulla facciata, e quindi collettive; dato che questo che avrebbe dovuto essere contestato nella sede propria).

4.2. – Solo per completezza, trattandosi di questione di riparto millesimale non adeguatamente posto in discussione in questa sede, puo’ menzionarsi dunque che comunque non risulta condivisibile la critica all’impugnata sentenza sotto l’angolo visuale per cui, nell’addossare alla s.r.l. un onere di contribuzione proporzionato ai 112 millesimi figuranti nella tabella millesimale generale della proprieta’ in relazione alle unita’ dotate di balcone, esentandola per le ulteriori unita’ prive di balconi con 90 millesimi, avrebbe lasciato scoperta una parte della spesa in quanto il totale delle unita’ dotate di balconi assommerebbe a un numero di millesimi inferiore a mille. Infatti, e’ noto che i valori proporzionali desumibili dalla tabella generale di proprieta’ sono utilizzati anche per derivarne tabelle ulteriori, utili a ripartire le spese per beni e servizi comuni in relazione all’uso di ciascun condomino (e nel caso di specie per lavori su parti esclusive ordinariamente non curati dall’amministrazione condominiale): tali tabelle “d’uso” (che realizzano la ratio, ad esempio, dell’articolo 1123 c.c., comma 2) per loro natura contemplano un totale di millesimi inferiore a mille, rendendo possibile – per comodita’ – un ragguaglio proporzionale a mille del totale, e quindi dei singoli valori millesimali, in applicazione del principio di proporzionalita’. Tale ultimo rilievo vale a ritenere l’infondatezza altresi’ del secondo profilo di censura, nell’ambito del quale si e’ individuato un vizio motivazionale – per quanto detto insussistente – circa la presunta mancata contemplazione del ragguaglio dei millesimi.

5. Anche il secondo motivo del ricorso principale e’ infondato. Invero occorre in argomento dare continuita’ all’orientamento di questa corte (v. tra le molte Cass. n. 452 del 14/01/2015, n. 16254 dei 25/09/2012 e n. 11756 del 19/05/2006) secondo il quale il vizio di omessa pronuncia da parte del giudice d’appello – che la parte ricorrente lamenta – e’ configurabile allorche’ manchi completamente l’esame di una censura mossa al giudice di primo grado; la violazione non ricorre nel caso in cui il giudice d’appello fondi la decisione su un argomento che totalmente prescinda dalla censura o necessariamente ne presupponga l’accoglimento o il rigetto: infatti nel primo caso l’esame della censura e’ inutile, mentre nel secondo essa e’ stata implicitamente considerata. Nel caso di specie, la costruzione’ logico-giuridica seguita dal giudice d’appello, che ha analizzato le ragioni per le quali, anziche’ non consentita, sarebbe corretta la decisione del. tribunale di ritenere gravate dell’onere di contribuzione le sole unita’ munite di balconi, e’ del tutto incompatibile con il motivo di appello asseritamente pretermesso, in effetti quindi implicitamete rigettato con lao’conseguente non configurabilita’ di una omissione di pronuncia.

6. Essendo disatteso il ricorso principale, non deve esaminarsi per assorbimento quello incidentale espressamente dichiarato condizionato.

7. Il ricorso principale va conclusivamente rigettato, con carico delle spese – liquidate come in dispositivo – al ricorrente principale soccombente nei confronti della condomina s.r.l..

P.Q.M.

La corte rigetta il ricorso principale, assorbito l’incidentale condizionato, e condanna la parte ricorrente principale alla rifusione a favore della controparte delle spese del giudizio di legittimita’, che liquida in Euro 200 per esborsi ed Euro 2.500 per compensi, oltre spese forfettarie nella misura del 15% e accessori di legge.

Annunci

Lascia un commento o richiedi un consiglio