Cassazione civile 2017

Corte di Cassazione, sezione III civile, ordinanza 6 luglio 2017, n. 16667

Per un motoveicolo guidato dal conducente con foglio rosa è esclusa la garanzia assicurativa se non altro ai fini del diritto di rivalsa.

Suprema Corte di Cassazione

sezione III civile

ordinanza 6 luglio 2017, n. 16667

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SPIRITO Angelo – Presidente

Dott. DE STEFANO Franco – rel. Consigliere

Dott. RUBINO Lina – Consigliere

Dott. ROSSETTI Marco – Consigliere

Dott. DELL’UTRI Marco – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 2825/2015 proposto da:

(OMISSIS) SPA in persona del proprio procuratore speciale Dott. (OMISSIS), Chief Operating Officer, elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende giusta procura speciale a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

(OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), elettivamente domiciliati in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che li rappresenta e difende giusta procura speciale a margine del controricorso;

(OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), elettivamente domiciliati in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che li rappresenta e difende unitamente all’avvocato (OMISSIS) giusta procura speciale a margine del controricorso;

– controricorrenti –

e contro

(OMISSIS);

– intimata –

avverso la sentenza n. 6510/2013 della CORTE D’APPELLO di ROMA, depositata il 03/12/2013;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del 08/06/2017 dal Consigliere Dott. FRANCO DE STEFANO.

RILEVATO IN FATTO

che:

convenuti, con atto di citazione passato per la notifica il 10/04/1995, dal padre e dai fratelli (e cioe’ da (OMISSIS), nonche’ da (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS) e (OMISSIS)) di (OMISSIS), rimasto vittima di un incidente stradale il (OMISSIS) nei pressi di (OMISSIS), il proprietario, il conducente e l’assicuratrice RcA (rispettivamente, (OMISSIS) e (OMISSIS), nonche’ (OMISSIS) spa, cui nelle more del giudizio sarebbe subentrata (OMISSIS) spa e (OMISSIS) spa) del motoveicolo Honda 125 (tg. (OMISSIS)) sul quale la vittima era trasportata al momento del sinistro e per conseguirne la solidale condanna al risarcimento dei danni, i primi due convenuti contestarono la dinamica, in particolare deducendo che alla guida era proprio la vittima, tanto da dispiegare riconvenzionale nei confronti dei soli attori;

costituitasi l’assicuratrice degli originari convenuti, questa invoco’, subordinatamente al rigetto della domanda principale nel merito, comunque la declaratoria di inoperativita’ della garanzia in virtu’ delle condizioni generali di polizza, essendo il conducente (OMISSIS) privo dei requisiti previsti dalla L. 18 marzo 1988, n. 111, articolo 1, nonche’ dell’autorizzazione a trasportare un passeggero sul veicolo, sul medesimo presupposto chiedendo ad ogni buon conto di condannare i convenuti, ma per il secondo i genitori all’epoca esercenti la potesta’ ( (OMISSIS) e (OMISSIS)) da chiamare in causa, a restituire – ai sensi della L. n. 990 del 1969, articolo 18 cpv., ovvero dell’articolo 1203 c.c., n. 3 e articolo 2048 c.c. – quanto eventualmente essa assicuratrice fosse stata tenuta a corrispondere agli attori a titolo di risarcimento dei danni;

chiamati in causa anche (OMISSIS) e (OMISSIS), gli originari convenuti estesero le originarie domande nei confronti dell’assicuratrice ed intervenne la madre della vittima, (OMISSIS), chiedendo il risarcimento anche dei danni patiti in proprio, sicche’ l’assicuratrice a sua volta propose, in alternativa a quella gia’ formulata nei confronti dei (OMISSIS), domanda di rivalsa e manleva anche nei confronti di (OMISSIS) e di (OMISSIS), per l’evenienza che fosse risultato provato che alla guida del motoveicolo era stato proprio la vittima, con conseguente inoperativita’ della garanzia assicurativa;

l’adito tribunale di Latina, con sentenza n. 1643/05, dichiaro’ l’esclusiva responsabilita’ dei (OMISSIS) e condanno’ questi e l’assicuratrice al pagamento di Euro 250.000 complessivi per “danno morale”, delle spese funerarie e delle spese di lite, riconoscendo all’ultima il “diritto di rivalsa nei confronti dei soggetti oggi condannati”; ma interposero appello principale i (OMISSIS) – (OMISSIS) ed incidentale i (OMISSIS) – (OMISSIS) e l’assicuratrice, nelle more divenuta (OMISSIS) spa, che aveva gia’ corrisposto agli attori vittoriosi in primo grado le somme di Euro 268.425,78 e 64.684,53: tanto che l’esecutivita’ della sentenza di primo grado fu sospesa dall’adita corte di appello della Capitale;

quest’ultima, peraltro, accolse parzialmente l’appello dei danneggiati, riconoscendo maggiori importi di risarcimento, ma soprattutto accolse quello dei (OMISSIS) – (OMISSIS), escludendo il diritto di rivalsa affermato in primo grado in virtu’ del principio (di cui a Cass. n. 12728/10) dell’irrilevanza di prescrizioni o limitazioni eventualmente imposte dal legislatore a fini di limitazione di validita’ od efficacia del titolo abilitativo, pure condannando l’assicuratrice al pagamento dei due terzi delle spese di lite nei rapporti con i garantiti;

per la cassazione di tale sentenza, pubblicata il 03/12/2013 col n. 6510, ricorre oggi la (OMISSIS) spa, affidandosi ad un motivo; resistono con separati controricorsi, da un lato, (OMISSIS), (OMISSIS) e (OMISSIS) e (OMISSIS), nonche’, dall’altro, (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS) e (OMISSIS) mentre l’altra intimata Santa (OMISSIS) non espleta attivita’ difensiva in questa sede;

per l’adunanza in Camera di consiglio, non partecipata, del giorno 08/06/2017, sia la ricorrente che i controricorrenti (OMISSIS) – (OMISSIS) depositano memoria ai sensi del penultimo periodo dell’articolo 380-bis c.p.c., comma 1 (come inserito dal Decreto Legge 31 agosto 2016, n. 168, articolo 1-bis, comma 1, lettera f), conv. con modif. dalla L. 25 ottobre 2016, n. 197);

inoltre, la ricorrente insta per la rimessione alle Sezioni Unite della questione relativa all’idoneita’ della clausola di polizza che preveda l’esclusione della garanzia assicurativa r.c.a. per i danni cagionati dal conducente non abilitato alla guida ad escludere l’operativita’ della polizza ed il conseguente obbligo risarcitorio nel caso in cui il soggetto sia munito di una mera autorizzazione per esercitarsi alla guida di veicoli.

CONSIDERATO IN DIRITTO

che:

la ricorrente lamenta “violazione e falsa applicazione del Decreto del Presidente della Repubblica 15 giugno 1959, n. 393, articoli 79, 80, 83 e successive modificazioni – r.t. vigente, nonche’ della L. n. 990 del 1969, articolo 18, comma 2, cosi’ come sostituito dal Decreto Legge 23 dicembre 1976, n. 857, articolo 1, convertito, con modificazioni, nella L. 26 febbraio 1977, n. 39 – r.t. vigente ed, infine, degli articoli 1362 c.c. e segg., riguardo l’interpretazione della clausola ex articolo 2 C.G.A. della polizza n. (OMISSIS)”;

il motivo e’ fondato, nei sensi di cui appresso;

va dapprima ribadito che, ai fini che qui interessano e disattendendosi la contraria tesi dei ricorrenti (OMISSIS) – (OMISSIS), non era consentito, al tempo del sinistro, al conducente di un motoveicolo munito di c.d. “foglio rosa” e quindi soltanto autorizzato ad esercitarsi alla guida, portare a bordo alcun passeggero, tanto violando l’articolo 79 dell’allora vigente codice della strada (tra le altre: Cass. 25/05/2010, n. 12728);

va poi in linea di principio rilevato – in piu’ attenta elaborazione dello stesso principio applicato dalla stessa corte territoriale e di cui subito appresso, se del caso anche in rimeditazione dei risultati cui la giurisprudenza di questa Corte e’ giunta in passato – che effettivamente, alla stregua del tenore testuale delle norme sui requisiti per la guida dei veicoli applicabili ratione temporis e puntualmente richiamate dalla ricorrente (specificamente, l’articolo 79 C.d.S. 1959, cioe’ Decreto del Presidente della Repubblica 15 giugno 1959, n. 393, come sostituita dalla L. 18 marzo 1988, n. 111, articolo 1), il possesso del requisito dell’eta’ in relazione alla conduzione di un motoveicolo di una certa cilindrata e privo di altri passeggeri a bordo oltre al conducente non si risolve in una mera prescrizione limitativa all’abilitazione alla guida successiva a quest’ultima e quindi connessa al momento funzionale anziche’ a quello genetico dell’abilitazione stessa, ma integra un vero e proprio positivo presupposto per la medesima; in altri termini, per la conformazione della norma, il minore che non avesse mai compiuto gli anni diciotto non poteva mai reputarsi abilitato alla guida neppure sotto il profilo della mera autorizzazione all’esercitazione di cui al successivo articolo 73 C.d.S., che in ogni caso non consentiva certo il trasporto di un passeggero – di un motoveicolo con a bordo un altro passeggero e quindi che nessun altro fosse a bordo non integrava una prescrizione a valle della abilitazione, ma una limitazione o un connotato consustanziale all’abilitazione stessa, la quale sarebbe quindi venuta a mancare intrinsecamente e ab initio per motoveicoli che trasportassero persone oltre il conducente;

e tuttavia, se non altro quanto al profilo dell’interpretazione della clausola contrattuale prospettato nell’unitario motivo del ricorso per cassazione dall’odierna ricorrente, la doglianza puo’ dirsi immediatamente fondata: cio’ che esime dalla necessita’ di affermare ex professo uno scostamento dalla conclusione cui questa Corte e’ giunta fino a tempi recenti in ordine alla tematica dell’interpretazione della norma che sarebbe stata applicabile alla fattispecie in difetto di quella specifica previsione pattizia e rende pertanto inutile la rimessione della relativa questione all’esame delle Sezioni Unite di questa Corte, pure invocata dalla ricorrente;

la corte territoriale ha invero applicato il principio di diritto affermato da Cass. 25/05/2010 n. 12728, circa l’irrilevanza della violazione delle prescrizioni, quand’anche limitative, dell’abilitazione alla guida (pronuncia espressamente riferita ad una fattispecie in cui il titolare di un c.d. “foglio rosa” aveva violato le relative prescrizioni, trasportando a bordo del motoveicolo un passeggero) ed in particolare ritenendo fonte esclusivamente di responsabilita’ amministrativa del conducente la violazione delle regole sul trasporto di passeggeri, dinanzi alla circostanza che il conducente stesso fosse titolare di autorizzazione per esercitarsi alla guida dei veicoli, cio’ che integrava gli estremi per farlo considerare abilitato ai fini della disciplina in esame;

ora, sul punto la giurisprudenza di questa Corte, ivi compresa la stessa pronuncia richiamata dalla qui gravata sentenza (Cass. 12728/10, confermata poi da Cass. ord. 01/04/2016, n. 6403, ma questa con riferimento a violazione di prescrizioni specificamente imposte al titolare dell’abilitazione al momento del rilascio e non per previsione legislativa), per quanto meritevole di rimeditazione alla stregua delle considerazioni svolte piu’ sopra, e’ comunque univoca nel ritenere che la garanzia assicurativa possa essere esclusa, in caso di violazione delle prescrizioni relative al titolo abilitativo alla guida, sia pur solo se espressamente prevista dal contratto (in tali espressi termini, tra le ultime, Cass. 25/09/2014, n. 20190; ma, in precedenza, gia’ Cass. 27/05/2009, n. 12270), benche’ tali limitazioni – proprio in quanto nascenti dal contratto tra le parti intercorso – non siano opponibili ai terzi danneggiati (Cass. 27/08/2014, n. 18308);

ed al riguardo va subito notato che il conducente del motoveicolo, (OMISSIS), all’epoca dei fatti e cioe’ il (OMISSIS), per essere nato in data (OMISSIS), non aveva ancora compiuto nemmeno diciassette anni ed era alla guida di un motoveicolo su cui trasportava la vittima, pur essendo egli titolare di autorizzazione ad esercitarsi alla guida di motoveicoli di una determinata cilindrata e comunque senza nessun altro passeggero a bordo; situazione di fatto alla quale va riferita la previsione dell’articolo 2 delle Condizioni Generali di Assicurazione della polizza che regolava i rapporti tra l’assicuratrice r.c.a. (OMISSIS) ed il (OMISSIS) (adeguatamente riprodotta in ricorso in ossequio al disposto del n. 6 dell’articolo 366 c.p.c.), a termini del cui espresso tenore testuale era sancita la non operativita’ dell’assicurazione “se il conducente del veicolo assicurato non e’ abilitato a norma delle disposizioni in vigore, nonche’ nei casi… di trasporto di persone, se la circolazione avviene senza l’osservanza delle rispettive norme legislative e regolamentari”, con diritto di rivalsa dell’assicuratrice per le somme eventualmente pagate al terzo in conseguenza dell’inopponibilita’ di tali eccezioni;

pertanto, a prescindere dall’ulteriore approfondimento della questione sulla sussistenza o meno dei requisiti per l’abilitazione alla guida, ritiene il Collegio dirimente rilevare come la previsione contrattuale sia di per se’ sola idonea, se non ad escludere la responsabilita’ verso i terzi, quanto meno a fondare il diritto di rivalsa pattiziamente regolato proprio per il caso in cui la circolazione al momento del sinistro sia avvenuta in violazione delle specifiche norme del codice della strada ivi espressamente previste;

invero, si e’ sicuramente verificata la fattispecie contrattualmente i contemplata in modo esplicito: e tanto, se non con riguardo alla previsione pattizia della carenza di abilitazione alla guida (che riproporrebbe le tematiche ermeneutiche appena viste e sviluppate dalla ricorrente nella prima parte del suo unitario motivo di ricorso per cassazione), almeno certamente con riferimento a quella dell’esclusione della copertura assicurativa nei casi di trasporto di persone ove la circolazione avvenga senza l’osservanza delle rispettive norme;

tanto pacificamente e’ avvenuto nella specie, visto che il conducente (OMISSIS), sebbene titolare di autorizzazione ad esercitarsi alla guida (quale prevista in via generale dal Decreto del Presidente della Repubblica 15 giugno 1959, n. 393, articolo 83), non avrebbe poi potuto trasportare alcun altro sul motoveicolo su cui si stava esercitando, per il combinato disposto del comma 3 del medesimo articolo 83 e delle lettera c) e d) del cit. Decreto del Presidente della Repubblica n. 393 del 1959, articolo 79, nel testo vigente al momento dei fatti: posto che, appunto, per i minorenni di eta’ compresa tra i sedici ed i diciotto anni la guida dei motoveicoli di cilindrata fino a 125 cc era consentita purche’ non vi si trasportassero altre persone oltre al conducente;

pertanto, la circostanza della conduzione a bordo del motoveicolo di un passeggero, conclamata dal fatto che quest’ultimo e’ rimasto vittima dell’incidente occorso a quello, e’ idonea – se non ad integrare la previsione normativa della carenza dei requisiti genetici per l’abilitazione alla guida dell’eta’ e del non trasporto di alcuno a bordo, almeno – ad attivare la previsione pattizia di esclusione della garanzia assicurativa, se non altro ai fini del diritto di rivalsa ivi previsto: e sotto questo profilo e’ quindi errata la gravata sentenza, la quale, sul punto, non puo’ che essere cassata, con rinvio alla corte di appello di Roma, ma in diversa composizione ed anche al fine di provvedere sulle spese del giudizio di legittimita’, onde verificare le conseguenze dell’accertata inoperativita’ della copertura assicurativa, se non altro nei rapporti con l’assicurato, ai fini della domanda di rivalsa da subito esperita dall’assicuratrice;

infine, va dato atto – mancando discrezionalita’ al riguardo (tra le prime: Cass. 14/03/2014, n. 5955; tra molte altre: Cass. Sez. U. 27/11/2015, n. 24245) – dell’insussistenza dei presupposti per l’applicazione del Decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, articolo 13, comma 1-quater, inserito dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, articolo 1, comma 17, in tema di contributo unificato per i gradi o i giudizi di impugnazione e per il caso di reiezione integrale, in rito o nel merito, essendo stato accolto il ricorso.

P.Q.M.

accoglie il ricorso. Cassa la gravata sentenza e rinvia alla corte di appello di Roma, in diversa composizione, cui demanda di provvedere sulle spese del giudizio di legittimita’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *