Cassazione penale 2017

Corte di Cassazione, sezione V penale, sentenza 27 giugno 2017, n. 31592

Il soggetto condannato ai domiciliari non può essere punito per essersi allontanato da casa avvertendo peraltro in via preventiva i carabinieri per recarsi al pronto soccorso

Suprema Corte di Cassazione

sezione V penale

sentenza 27 giugno 2017, n. 31592

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE QUINTA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LAPALORCIA Grazia – Presidente

Dott. SCOTTI Umberto L. – Consigliere

Dott. SETTEMBRE Antonio – Consigliere

Dott. SCORDAMAGLIA Irene – rel. Consigliere

Dott. BRANCACCIO Matilde – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

(OMISSIS), nato a (OMISSIS);

avverso la ORDINANZA del 16/02/2017 del TRIBUNALE DELLA LIBERTA’ DI ROMA;

visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;

udita la relazione svolta dal consigliere Irene Scordamaglia;

udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore generale Dott. M.F. Loy, che ha concluso chiedendo l’inammissibilita’ del ricorso;

udito il difensore dell’imputato, Avv. (OMISSIS), che ha chiesto l’annullamento con rinvio della sentenza impugnata.

RITENUTO IN FATTO

1. (OMISSIS) ricorre per cassazione avverso l’ordinanza del 16 febbraio 2017 emessa dal Tribunale di Roma, Sezione per il riesame delle misure cautelari personali, che ha rigettato l’appello avverso l’ordinanza applicativa della misura intramurale, in via di aggravamento, poiche’, sebbene al ricorrente – gia’ condannato dal Giudice dell’udienza preliminare presso il Tribunale di Latina per il delitto di cui all’articolo 612 bis c.p. – fossero stati concessi gli arresti domiciliari con divieto di allontanarsi dalla propria abitazione, egli, invece, aveva violato la detta prescrizione recandosi senza autorizzazione presso il Pronto Soccorso e rifiutandosi espressamente di farvi ritorno.

2. Il ricorrente deduce violazione di legge, in relazione all’articolo 125 c.p.p., comma 3, articolo 275 c.p.p., articolo 276 c.p.p., comma 1 ter, e articolo 284 c.p.p., e vizio di motivazione, per non avere il Tribunale valutato la lieve entita’ del fatto, considerato che egli prima di allontanarsi dall’abitazione aveva avvertito i Carabinieri del suo intendimento e che, per questa ragione, lo stesso Pubblico Ministero, che ebbe a presentarlo al Giudice per la convalida dell’arresto e per il giudizio direttissimo per il delitto di evasione, non ebbe a chiedere l’applicazione di alcuna misura cautelare personale, avendo valutata come non grave la trasgressione attesa la modesta offensivita’ del fatto. Lamenta, altresi’, che il Collegio dell’appello in maniera del tutto incongrua aveva valorizzato il suo rifiuto di fare rientro presso l’abitazione da cui era evaso, facendo, cosi’, discendere l’aggravamento della misura cautelare da un’espressione del tutto estemporanea di volonta’, superata di fatto dalla successiva permanenza presso il detto domicilio.

3. All’odierna udienza il difensore del ricorrente ha depositato il dispositivo della sentenza emessa dal Tribunale di Latina in data 10 maggio 2017 con il quale (OMISSIS) e’ stato assolto dal delitto di evasione ascrittogli con la formula perche’ il fatto non costituisce reato.

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. L’ordinanza impugnata deve essere annullata con rinvio, imponendosi nuova valutazione in ordine alle ragioni del disposto aggravamento della misura cautelare originariamente imposta al ricorrente e circa l’adeguatezza del regime cautelare in atto.

2. Rileva, in primo luogo, il vizio di motivazione sotto il profilo dell’esatta identificazione del parametro normativo sulla base del quale e’ stato operato il giudizio circa la necessita’ di sostituzione della misura degli arresti domiciliari applicata allo (OMISSIS) con quella della custodia cautelare in carcere.

Le norme che, infatti, vengono in rilievo in ipotesi di aggravamento di misura cautelare, vale a dire quella di cui all’articolo 276 c.p.p., comma 3, ovvero quella di cui all’articolo 299 c.p.p., comma 4, implicano una differente valutazione degli elementi in fatto che legittimano una modificazione in senso peggiorativo dello status libertatis, della quale, pero’, nell’impianto giustificativo del provvedimento impugnato non e’ dato ravvisare il segno: l’attivazione della procedura officiosa ex articolo 276 c.p.p., presuppone, invero, una specifica trasgressione della persona in vinculis quanto alle prescrizioni che sarebbe stata obbligata ad osservare, ed ha, pertanto, natura sanzionatoria, mentre la previsione di cui all’articolo 299 c.p.p., comma 4, attiene all’adeguato e concreto soddisfacimento delle esigenze cautelari (Sez. 1, n. 3285 del 21/12/2015, dep. 2016, Dzhangveladze, Rv. 265726; Sez. 4, n. 25008 del 15/01/2007, Granata, Rv. 237001).

3. Al riguardo giova osservare che, al di la’ dell’anodino riferimento alla mancata disponibilita’ dell’imputato a permanere presso il proprio domicilio in stato detentivo, a prescindere “dall’entita’ della trasgressione delle prescrizioni inerenti la misura degli arresti domiciliari”, l’effettiva necessita’ dell’aggravamento della misura imposta e’ stata desunta dal Tribunale assegnando esclusivo rilievo all’estemporaneo rifiuto espresso dallo (OMISSIS) di far rientro presso l’anzidetto domicilio, senza alcuna considerazione delle allegazioni difensive circa la successiva, non breve, permanenza dell’imputato medesimo nella casa di abitazione sino alla sua traduzione in carcere, ben interpretabile alla stregua delle comuni massime di esperienza come una implicita revoca del precedente rifiuto, ed in ordine, comunque, alla lieve offensivita’ dell’allontanamento dal luogo degli arresti domiciliari alla luce delle relative modalita’ di realizzazione.

4. Apprezzamento in fatto, quello da ultimo indicato, cui, invero, il giudice dell’appello cautelare non si sarebbe potuto sottrarre.

In effetti, quand’anche l’aggravamento della misura cautelare sia stato disposto dal Giudice per le indagini preliminari ai sensi dell’articolo 276 c.p.p., comma 1 ter, che, per la persona che si trovi agli arresti domiciliari, consente al giudice di disporre la revoca della misura e la sua sostituzione con la custodia in carcere nel caso di trasgressione al divieto di allontanarsi dal luogo dove la persona stessa sia ristretta, salva l’ipotesi della lieve entita’ della violazione, il Tribunale per il riesame, in virtu’ della clausola di riserva menzionata, avrebbe dovuto valutare se il comportamento inosservante della persona cautelata fosse o meno riconducibile dal detto indice di rilevanza fattuale. Ad avviso della piu’ recente giurisprudenza di questa Corte, infatti, l’inciso indicato segna l’ambito materiale delle eccezioni alla regola di sostituzione “automatica” della misura di autocontrollo domiciliare e risulta a regime per effetto dell’inserimento operato dalla L. 16 aprile 2015, n. 47, articolo 5, (Sez. 1, n. 47931 del 05/10/2016 – dep. 11/11/2016, Russello, Rv. 26918801).

Da cio’ puo’ dirsi che i casi previsti dall’articolo 276 c.p.p., comma 1, in cui l’aggravamento si qualifica come discrezionale, e quelli previsti dall’articolo 276 c.p.p., comma 1 ter, in cui il giudice era, ante novella, obbligato a disporre l’applicazione della piu’ grave misura custodiale, risultano de iure condito sostanzialmente equiparati sotto il profilo dell’ambito valutativo giurisdizionale, essendo imposta al giudice una verifica sulla entita’ della trasgressione, sia nel primo che nel secondo caso.

5. La ragione della disposizione richiamata, ispirata all’idea di una drastica limitazione delle ipotesi di automatica restrizione della liberta’ personale, e i principi generali che governano il sistema di disciplina delle misure cautelari personali, che affidano al filtro valutativo del giudice, operante secondo criteri di stringente necessita’, la garanzia della utilizzazione dello strumento della restrizione preventiva della liberta’ personale secondo il canone dell’extrema ratio, esigono che il giudice del rinvio valuti, altresi’, la perdurante adeguatezza della misura applicata al ricorrente alla luce della intervenuta sentenza di assoluzione pronunciata nei suoi confronti dal delitto di evasione. Il ridimensionamento della situazione che aveva determinato l’aggravamento impone, infatti, una rivisitazione critica delle ragioni poste a suo fondamento, che, pero’, deve essere condotta tenendo conto anche delle residue esigenze cautelari poste a base dell’originario provvedimento restrittivo adottato in relazione alla contestazione per il delitto di cui all’articolo 612 bis c.p..

6. Si impone, pertanto, annullamento con rinvio nei confronti di (OMISSIS) per nuovo esame che tenga conto dei rilievi qui formulati. Vanno inoltre effettuati gli adempimenti di cui all’articolo 94 disp. att. c.p.p., comma 1 ter.

P.Q.M.

Annulla il provvedimento impugnato con rinvio al Tribunale di Roma per nuovo esame. Dispone la trasmissione integrale degli atti.

Manda alla cancelleria per gli adempimenti di cui all’articolo 94 disp. att. c.p.p., comma 1 ter.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...