Corte di Cassazione, sezione tributaria, sentenza 15 maggio 2015, n. 9956. In tema di imposta di registro, l’art. 51, comma 3, del d.P.R. 26 aprile 1986, n. 131, nella parte in cui prevede che, ai fini della rettifica del valore dei beni immobili, debba aversi riguardo ai trasferimenti a qualsiasi titolo ed alle divisioni e perizie giudiziarie, anteriori di non oltre tre anni, non comporta l’immodificabilità del valore di mercato risultante da detti atti, ma si limita a ad indicare un parametro certo di confronto in base al quale l’Ufficio deve determinare il valore del bene in comune commercio

/, Corte di Cassazione, Diritto Tributario, Sentenze - Ordinanze/Corte di Cassazione, sezione tributaria, sentenza 15 maggio 2015, n. 9956. In tema di imposta di registro, l’art. 51, comma 3, del d.P.R. 26 aprile 1986, n. 131, nella parte in cui prevede che, ai fini della rettifica del valore dei beni immobili, debba aversi riguardo ai trasferimenti a qualsiasi titolo ed alle divisioni e perizie giudiziarie, anteriori di non oltre tre anni, non comporta l’immodificabilità del valore di mercato risultante da detti atti, ma si limita a ad indicare un parametro certo di confronto in base al quale l’Ufficio deve determinare il valore del bene in comune commercio

Corte di Cassazione, sezione tributaria, sentenza 15 maggio 2015, n. 9956. In tema di imposta di registro, l’art. 51, comma 3, del d.P.R. 26 aprile 1986, n. 131, nella parte in cui prevede che, ai fini della rettifica del valore dei beni immobili, debba aversi riguardo ai trasferimenti a qualsiasi titolo ed alle divisioni e perizie giudiziarie, anteriori di non oltre tre anni, non comporta l’immodificabilità del valore di mercato risultante da detti atti, ma si limita a ad indicare un parametro certo di confronto in base al quale l’Ufficio deve determinare il valore del bene in comune commercio

cassazione 9
Suprema Corte di Cassazione

sezione tributaria

sentenza 15 maggio 2015, n. 9956

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MERONE Antonio – Presidente

Dott. DI BLASI Antonino – Consigliere

Dott. CHINDEMI Domenico – Consigliere

Dott. SAMBITO Maria Giovanna C. – rel. Consigliere

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 3562-2010 proposto da:

(OMISSIS) SPA in persona del Vice Presidente e legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), rappresentato e difeso dall’avvocato (OMISSIS) giusta delega a margine;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE UFFICIO DI MILANO (OMISSIS) in persona del Direttore pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 53/2009 della COMM.TRIB.REG. di MILANO, depositata il 22/04/2009;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 19/02/2015 dal Consigliere Dott. MARIA GIOVANNA C. SAMBITO;

udito per il ricorrente l’Avvocato (OMISSIS) che si riporta;

udito per il controricorrente l’Avvocato (OMISSIS) che si riporta;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. VELARDI Maurizio che ha concluso per l’accoglimento per quanto di ragione del ricorso.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

La societa’ (OMISSIS) S.p.A. acquisto’ per atto denominato transazione e vendita, da potere della Curatela del fallimento di un’impresa edile, un complesso immobiliare composto da 27 appezzamenti di terreno, con insistenti villette in costruzione. Per quanto interessa, l’Ufficio, con distinti atti, rettifico’ il valore dichiarato nell’atto sulla base di quello determinato dall’UTE, ed irrogo’ le relative sanzioni. I ricorsi proposti dalla contribuente, dopo esser stati riuniti furono, in parte, accolti dall’adita CTP e la decisione fu confermata in appello, con la sentenza indicata in epigrafe, dalla CTR della Lombardia, secondo cui: a) l’avviso d’accertamento del maggior valore era motivato e congruo, in quanto si fondava su valori di precedenti atti di trasferimenti e della stima dell’UTE, teneva conto dello stato d’avanzamento dei lavori ed era confermato dall’importo delle ipoteche iscritte e delle sanatorie edilizie; b) la sanzione era legittima, essendo stata irrogata sul valore definitivamente accertato, per tale dovendosi intendere quello non piu’ modificabile dall’Ufficio, una volta emesso l’avviso di rettifica e liquidazione.

Per la cassazione di tale sentenza, ricorre la Societa’ (OMISSIS) S.p.A. con sette mezzi, ai quali resiste l’Agenzia delle Entrate.

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. Con il primo motivo, la ricorrente lamenta la violazione del Decreto del Presidente della Repubblica n. 131 del 1986, articoli 51 e 52 “con riferimento alla perizia giudiziale” acquisita nell’ambito della procedura fallimentare. La ricorrente sostiene che l’Ufficio doveva tener conto del valore in quella espresso e che la sentenza e’ erronea “laddove ha statuito che non vi fosse alcun obbligo di legge di tenere conto delle risultanze della CTU giudiziale depositata”.

2. Col secondo motivo, si denuncia che la CTR e’ incorsa in violazione della Legge n. 212 del 2000, articolo 7 e Decreto del Presidente della Repubblica n. 131 del 1986, articolo 52, comma 2 bis, nel negare che l’avviso impugnato facesse “riferimento alla perizia dell’Agenzia del territorio nella parte in cui richiama la vendita del 1996”. La ricorrente afferma, per contro, che l’atto impositivo era motivato mediante il rinvio alla stima dell’Agenzia del Territorio, oltre che nel testo allegato all’avviso di rettifica e liquidazione, anche nella specificazione successiva, che si riferiva, appunto, alla predetta compravendita, che era stata allegata al processo verbale di contraddittorio, nel corso della procedura di accertamento con adesione.

3. Col terzo motivo, deducendo violazione del Decreto del Presidente della Repubblica n. 131 del 1986, articoli 51 e 52, la ricorrente lamenta che la CTR ha ritenuto legittima la rettifica, nonostante si fondasse su di un atto (la compravendita del 1996) che era stato dichiarato nullo per simulazione assoluta e che, inoltre, era stato stipulato oltre tre anni prima di quello oggetto della ripresa.

4. Col quarto motivo, la ricorrente deduce, nuovamente, la violazione del Decreto del Presidente della Repubblica n. 131 del 1986, articoli 51 e 52, per avere i giudici d’appello individuato il valore in comune commercio del complesso immobiliare al lordo e non al netto delle passivita’ costituite dalle iscrizioni e trascrizioni pregiudizievoli.

5. Col quinto motivo, si lamenta la violazione del Decreto del Presidente della Repubblica n. 131 del 1986, articolo 71 per avere la CTR ritenuto legittima l’irrogazione delle sanzioni, senza che ne sussistesse il presupposto, ossia “la definitivita’ del valore accertato con sentenza passata in giudicato che statuisse sul valore del bene”.

6. Col sesto motivo, si denuncia la contraddittorieta’ della motivazione della sentenza, che ha disconosciuto rilievo probatorio alla CTU giudiziale e lo ha invece riconosciuto alla vendita del 1996.

7. Col settimo motivo, si lamenta l’insufficienza della motivazione in merito allo stato d’avanzamento dei lavori di realizzazione delle villette. La ricorrente evidenzia che, mentre nella perizia giudiziale la percentuale era indicata nella misura del 40%, la CTR ha considerato il dato esposto dall’Agenzia del territorio, pari al 64,42%, senza motivare come i lavori potessero proseguire successivamente alla dichiarazione di fallimento.

8. I motivi primo, secondo, terzo, quarto, sesto e settimo, che, attenendo tutti alla medesima questione, vanno congiuntamente esaminati, sono infondati.

9. Va premesso che, a norma del Decreto del Presidente della Repubblica n. 131 del 1986, articolo 52, comma 1, l’ufficio provvede alla rettifica, e alla conseguente liquidazione, se ritiene che gli immobili ceduti abbiano un valore venale superiore a quello dichiarato o al corrispettivo pattuito, ed, a tal fine, ha “riguardo ai trasferimenti a qualsiasi titolo e alle divisioni e perizie giudiziarie, anteriori di non oltre tre anni alla data dell’atto o a quella in cui se ne produce l’effetto traslativo o costitutivo, che abbiano avuto per oggetto gli stessi immobili o altri di analoghe caratteristiche e condizioni, ovvero al reddito netto di cui gli immobili sono suscettibili, capitalizzato al tasso mediamente applicato alla detta data e nella stessa localita’ per gli investimenti immobiliari, nonche’ ad ogni altro elemento di valutazione, anche sulla base di indicazioni eventualmente fornite dai comuni” (Decreto del Presidente della Repubblica n. 131 del 1986, articolo 51, comma 3).

10. Questa Corte ha affermato che i predetti criteri di valutazione sono assolutamente pariordinati (cfr. Cass. n. 4221 del 2006), ed, in riferimento al criterio comparativo, ha, in particolare, rilevato che la circostanza secondo cui deve aversi riguardo ai trasferimenti a qualsiasi titolo ed alle divisioni e perizie giudiziarie, anteriori di non oltre tre anni, non implica l’immodificabilita’ del valore risultante da detti atti, ma si limita ad indicare un parametro certo di confronto, in base al quale l’Ufficio deve determinare il valore del bene in comune commercio (Cass. n. 4363 del 2011).

11. Se, a tale stregua, l’errore di diritto addebitato col primo motivo e’ insussistente, va rilevato che le censure di cui ai motivi secondo e terzo, muovono da un assunto che la CTR ha espressamente smentito, avendo, appunto, affermato che nell’atto “non e’ stato fatto alcun riferimento… alla valutazione di una vendita avvenuta nel 1996… Non essendo stata tale vendita indicata nell’avviso non ne inficia, ovviamente, la validita’”.

12. Lo specifico contenuto dell’avviso, quale accertato dalla CTR, non e’ stato contestato, come solo avrebbe potuto, mediante indicazione di specifici canoni ermeneutici, in tesi, violati, nella sua ricostruzione, o mediante censura di difetto di motivazione, di tal che i motivi risultano inammissibili, perche’ volti censurare un atto di contenuto diverso rispetto a quello accertato ed al contempo volti a sollecitare una diversa indagine di fatto (sulla motivazione dell’atto stessa), rimessa in via esclusiva al giudice del merito e preclusa in questa sede di legittimita’.

13. Non puo’, peraltro, non rilevarsi che la pretesa del fisco resta compiutamente fissata in riferimento alle ragioni enunciate nell’atto impositivo, la cui motivazione, volta a garantire il diritto di difesa del contribuente, e a delimitare, appunto, l’ambito delle ragioni deducibili dall’ufficio nell’eventuale giudizio, non si presta ad esser integrata, ne’ in sede processuale, ne’ con atti successivi (salvo il potere di autotutela, che qui non viene in rilievo), al contrario di quanto postula la ricorrente, che tanto assume, proprio allo scopo di dedurre motivi d’illegittimita’ dell’atto nel suo contenuto “integrato”.

14. I vizi motivazionali denunciati coi motivi sesto e settimo sono, in parte, infondati, avendo la CTR dato conto adeguatamente della preferenza accordata alla stima dell’UTE rispetto alla consulenza acquisita dal giudice fallimentare (data l’epoca della sua redazione, anteriore di ben 19 mesi l’atto di trasferimento) ed, in parte, inammissibili, per la genericita’ delle argomentazioni (in riferimento all’effettivo stato d’avanzamento dei lavori), e perche’ relativi a dati fattuali insussistenti (asserita valutazione della vendita nulla del 1996).

15. Va, quindi, rilevato che la congruita’ del valore attribuito al compendio ceduto costituisce l’oggetto di un giudizio di fatto rimesso al prudente apprezzamento del giudice di merito, di tal che il quarto motivo risulta inammissibile, perche’ censura sotto il profilo della violazione di legge e non come vizio motivazionale, la questione, di merito appunto, della valorizzazione del dato economico relativo all’entita’ delle iscrizioni e trascrizioni esistenti sul complesso immobiliare a riprova del relativo elevato valore, dovendo a tanto aggiungersi che la ricorrente non riporta, come avrebbe dovuto, il testo dell’atto impositivo, di tal che l’assunto, secondo cui il valore sarebbe stato assunto al lordo delle passivita’, e’ privo di autosufficienza.

16. Anche il quinto motivo e’ infondato. A norma del Decreto del Presidente della Repubblica n. 131 del 1986, articolo 71, si applica la prevista sanzione amministrativa “se il valore definitivamente accertato” di beni e diritti, ridotto di un quarto, supera quello dichiarato. Pur in modo non del tutto perspicuo, la locuzione “definitivamente accertato” si riferisce al valore cristallizzato in seno all’atto impositivo, e, come tale, non piu’ modificabile da parte dell’Ufficio.

17. Tale esegesi trova la sua conferma, in riferimento all’interpretazione sistematica, nella disposizione di cui all’articolo 76, comma 4, del medesimo decreto, secondo cui la soprattassa e “la pena pecuniaria” devono essere applicate, a pena di decadenza, nel termine stabilito per chiedere l’imposta cui si riferiscono, disposizione che non avrebbe alcun significato, ove la sanzione dovesse esser irrogata a seguito del passaggio in giudicato della sentenza che statuisse sul valore del bene, come, invece, sostiene la contribuente. Deve, ancora, rilevarsi che la sostituzione della pena pecuniaria con la sanzione amministrativa, per effetto del Decreto Legislativo n. 473 del 1997, articolo 1, comma 1, lettera c), non modifica la relazione tra le anzidette disposizioni, dovendo il riferimento alla pena pecuniaria, contenuto nell’articolo 76 del TUR (sanzione prevista nell’originario testo dell’articolo 71 del TUR) esser correlato alla sanzione amministrativa prevista, per l’infedele dichiarazione di valore, dal nuovo testo dell’articolo 71 del TUR.

18. Le spese seguono la soccombenza e si liquidano come da dispositivo.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio di legittimita’, liquidate in euro 20.000,00, oltre a spese prenotate a debito.

Lascia un commento