Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 25 marzo 2015, n. 12642. L’obbligo di astensione da parte dei consiglieri comunali sussiste ogniqualvolta vi sia una correlazione immediata e diretta fra la posizione del consigliere e l’oggetto della deliberazione, il che normalmente non ricorre nei casi di provvedimenti normativi o di carattere generale

/, Corte di Cassazione, Diritto Penale e Procedura Penale, Sentenze - Ordinanze/Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 25 marzo 2015, n. 12642. L’obbligo di astensione da parte dei consiglieri comunali sussiste ogniqualvolta vi sia una correlazione immediata e diretta fra la posizione del consigliere e l’oggetto della deliberazione, il che normalmente non ricorre nei casi di provvedimenti normativi o di carattere generale

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 25 marzo 2015, n. 12642. L’obbligo di astensione da parte dei consiglieri comunali sussiste ogniqualvolta vi sia una correlazione immediata e diretta fra la posizione del consigliere e l’oggetto della deliberazione, il che normalmente non ricorre nei casi di provvedimenti normativi o di carattere generale

Cassazione 4

Suprema Corte di Cassazione

sezione VI

sentenza 25 marzo 2015, n. 12642

REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ROTUNDO Vincenz – Presidente

Dott. CAPOZZI Angelo – Consigliere

Dott. DI SALVO Emanuel – Consigliere

Dott. BASSI A. – rel. Consigliere

Dott. PATERNO’ RADDUSA Benedet – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

(OMISSIS) N. IL (OMISSIS);

avverso la sentenza n. 1268/2007 CORTE APPELLO di L’AQUILA, del 11/01/2013;

visti gli atti, la sentenza e il ricorso;

udita in PUBBLICA UDIENZA del 28/01/2015 la relazione fatta dal Consigliere Dott. ALESSANDRA BASSI;

Udito il Procuratore Generale in persona del Dott. Luigi Riello che ha concluso per l’annullamento senza rinvio della sentenza impugnata;

Udito il difensore Avv. (OMISSIS) che ha insistito per l’accoglimento del ricorso.

RITENUTO IN FATTO

1. Con sentenza dell’11 gennaio 2013, la Corte d’appello ha confermato la sentenza del 2 novembre 2006, con la quale il Tribunale di L’Aquila ha condannato (OMISSIS) alla pena di mesi sei di reclusione, oltre alla rifusione delle spese del grado in favore della parte civile, in relazione al reato di cui all’articolo 323 cod. pen., commesso il (OMISSIS), per avere l’imputato, quale consigliere del Comune di (OMISSIS), omesso di astenersi dal partecipare alla delibera di adozione del P.R.G. del suddetto Comune e, quindi, per avere procurato a se stesso un ingiusto vantaggio patrimoniale consistente nella realizzazione di un grosso parcheggio dietro la propria abitazione da destinare all’attivita’ commerciale dal medesimo svolta di commerciante di auto mezzi usati.

Il giudice di secondo grado ha rilevato che la penale responsabilita’ dell’imputato risulta provata, in quanto, per un verso, il medesimo ha violato il dovere di astensione previsto dall’articolo 78 Testo Unico 267/2000 in sede di adozione della delibera di appropriazione del P.R.G.; per altro verso, e’ integrato il presupposto della doppia ingiustizia, configurandosi in capo all’imputato l’ingiusto vantaggio conseguente dall’assenza di qualsivoglia interesse pubblico alla realizzazione del parcheggio antistante la sua abitazione.

2. Nel ricorso presentato avverso la sentenza, l’Avv. (OMISSIS) ha eccepito nell’interesse di (OMISSIS):

2.1. la mancanza, contraddittorieta’ e manifesta illogicita’ della motivazione, atteso che le prove raccolte nel processo dimostrano l’insussistenza dei requisiti della illegittimita’ della condotta e dell’interesse contra ius e dunque evidenziano l’innocenza dell’assistito, laddove: 1) non risulta dimostrata l’attivita’ di commerciante di automobili del (OMISSIS); 2) le contravvenzioni elevate riguardavano veicoli di proprieta’ di altri soggetti; 3) il parcheggio costruendo era, non a ridosso della proprieta’ dell’imputato, ma a cento metri da un luogo di culto; 4) nel parcheggio non avrebbero comunque potuto sostare auto prive di copertura assicurativa;

2.2. l’inosservanza o l’erronea applicazione di legge penale, per avere la Corte erroneamente ritenuto sussistenti in capo all’imputato l’obbligo di astenersi sulla base della mera allegazione di interessi configgenti con l’atto di approvazione del P.R.G.;

2.3 violazione di legge per difetto di corrispondenza tra chiesto e pronunciato.

3. Il Procuratore Generale ha chiesto la sentenza impugnata sia annullata senza rinvio perche’ il fatto non sussiste.

L’Avv. (OMISSIS) ha insistito per l’accoglimento del ricorso.

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. Il ricorso e’ fondato quanto al secondo motivo di ricorso, con conseguente assorbimento delle ulteriori censure.

2. Il Decreto Legislativo n. 267 del 2000, articolo 78, comma 2, (Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali) dispone che: “Gli amministratori di cui all’articolo 77, comma 2, devono astenersi dal prendere parte alla discussione ed alla votazione di delibere riguardanti interessi propri o di loro parenti o affini sino al quarto grado. L’obbligo di astensione non si applica ai provvedimenti normativi o di carattere generale, quali i piani urbanistici, se non nei casi in cui sussista una correlazione immediata e diretta fra il contenuto della deliberazione e specifici interessi dell’amministratore o di parenti o affini fino al quarto grado”.

Coerentemente al dettato normativo, il massimo organo della giustizia amministrativa ha affermato che l’obbligo di astensione da parte dei consiglieri comunali sussiste ogniqualvolta vi sia una correlazione immediata e diretta fra la posizione del consigliere e l’oggetto della deliberazione, il che normalmente non ricorre nei casi di provvedimenti normativi o di carattere generale (Cons. Stato n. 795 del 11/06/1996). Ne ha dunque inferito che, in sede di adozione del piano regolatore generale da parte del Comune, risultante dall’apporto di piu’ soggetti e conseguente a un complesso procedimento in cui confluiscono e si compensano interessi molteplici (pubblici, collettivi e individuali), il voto espresso dal singolo amministratore non riguarda una specifica prescrizione, ma tocca il contenuto complessivo dell’atto; pertanto, non e’ sufficiente a far sorgere l’obbligo di astensione la semplice allegazione dell’esistenza di interessi confliggenti con l’atto, occorrendo, altresi’, la prova, concreta e specifica che l’atto generale sia stato emanato anche in considerazione di tali personali e particolari interessi (Cons. Stato n. 795 del 11/06/1996).

3. Sulla stessa scia e’ orientata la giurisprudenza di questo giudice di legittimita’, laddove, in tema di abuso di ufficio commesso in relazione ad atti collegiali e di contenuto generale e, nello specifico, con riguardo alle deliberazioni del consiglio comunale, ha affermato che il sindaco e l’assessore all’urbanistica non hanno il dovere di astenersi dalla delibera di approvazione del piano regolatore generale, trattandosi di un atto finale di un procedimento complesso in cui vengono valutati, ponderati e composti molteplici interessi, sia individuali che pubblici, sicche’ il voto espresso dagli amministratori non riguarda la destinazione della singola area o la specifica prescrizione, ma il contenuto generale del provvedimento, cioe’ l’assetto territoriale nel suo complesso: ne discende che, rispetto all’approvazione di siffatta delibera non puo’ ritenersi sussistente in capo al consigliere comunale il dovere di astenersi (Cass. Sez. 6, n. 11600 del 15/02/2000, Cerullo ed altri, Rv. 220802; Sez. 6, n. 44620 del 26/10/2004, P.C. in proc. Silini ed altri, Rv. 230600).

Di contro, questa Suprema Corte ha ravvisato la sussistenza di un obbligo di astensione in capo al pubblico amministratore – ed ha, quindi, ritenuto ravvisabile il delitto di abuso di ufficio – nei casi in cui il voto espresso dagli amministratori riguardava la destinazione della singola area o una specifica prescrizione concernente una porzione delimitata del territorio non involgente linee generali di pianificazione, in relazione alla quale era riconoscibile un interesse personale, anche indiretto, del pubblico amministratore (in questo senso Cass. Sez. 6, n. 44620 del 26/10/2004, P.C. in proc. Silini ed altri, Rv. 230600; Sez. 6, n. 2662 del 23/09/1998, Brescia, Rv. 211752). In particolare, siffatti presupposti sono stati ravvisati in relazione a delibere di pianificazione territoriale del comune concernenti atti di “opposizione al P.R.G.” riguardanti gli specifici interessi personali dell’amministratore o di un prossimo congiunto (Cass. Sez. 6, n. 11600 del 15/02/2000, Cerullo ed altri, Rv. 220802) nonche’ a “varianti” al piano regolatore legate ad un interesse personale dell’agente o del familiare (Cass. Sez. 6 n. 14457 del 15/03/2013, non massimata).

4. Passando al vaglio del caso di specie, va rilevato come la condotta abusiva in contestazione concerna la deliberazione del piano regolatore generale del comune di (OMISSIS), dunque dello strumento di gestione dell’intero assetto territoriale dell’ente pubblico. Sulla scorta delle condivisibili coordinate ermeneutiche sopra delineate, in relazione a detta delibera non e’ ravvisabile un interesse, diretto ed immediato, dell’agente o dei suoi congiunti, rispetto al quale debba ritenersi sussistente un obbligo del consigliere comunale di astenersi dal prendere parte alla discussione ed alla votazione.

Ne discende che, venendo meno la penale rilevanza della condotta in cui, a tenor di contestazione, si sarebbe sostanziato il contestato abuso – id est l’omessa astensione dalla partecipazione alla delibera di approvazione del P.R.G. -, il reato ascritto non puo’ ritenersi sussistente.

La sentenza impugnata deve pertanto essere annullata senza rinvio perche’ il fatto non sussiste.

P.Q.M.

Annulla senza rinvio la sentenza impugnata perche’ il fatto non sussiste.

Lascia un commento