Appalto

Il contratto d’appalto

Il contratto d'appalto

Ultimo aggiornamento 24 ottobre 2017

Per una migliore lettura e comprensione del presente saggio

si consiglia di scaricare il documento in pdf

www.studiodisa.it

Il contratto d’appalto

Sommario –

per aprire la pagina di ogni paragrafo cliccare in calce all’articolo sul numero di riferimento

A) INTRODUZIONE – cliccare su pag. 1

B) NATURA DEL CONTRATTO – cliccare su pag. 2

C) LA CAUSA ED OGGETTO – cliccare su pag. 3

1) CAUSA – 

2) OGGETTO – 

A) I caratteri principali della prestazione dell’appaltatore –

B) La prestazione dell’appaltatore

C) Appalto di somministrazione

D) Responsabilità solidale fiscale (abrogata) e la responsabilità solidale retributivo-previdenziale

D) LA RESPONSABILITÀ CIVILE DELL’APPALTATORE – cliccare su pag. 4

1) Responsabilità comune nei confronti del committente – 

2) Responsabilità contrattuale speciale verso il committente – 

A) Difformità e vizi dell’opera –

B) Contenuto della garanzia per difformità e vizi –

C) Prescrizione e decadenza –

3) Responsabilità speciale per gli immobili di lunga durata – 

4) Responsabilità per danni arrecati a terzi – 

E) LA PRESTAZIONE DELL’APPALTANTE – cliccare su pag. 5

1) Il corrispettivo in denaro – 

2) Revisione del prezzo – 

3) Difficoltà di esecuzione derivanti da cause geologiche, idriche e simili

4) L’obbligo di cooperazione – 

5) Consegna dei lavori – 

6) L’obbligazione di fornire il materiale

F) L’ESECUZIONE DELL’APPALTO – cliccare su pag. 6

1) Controllo – 

2) Verifica in corso d’opera – 

3) Variazioni al progetto – 

4) Verifica – 

5) Collaudo – 

6) L’accettazione – 

7) Pagamento del prezzo – 

8) La Consegna – 

9) Passaggio della proprietà – 

G) IL SUBAPPALTO – cliccare su pag. 7

H) L’ESTINZIONE DELL’APPALTO – cliccare su pag. 8

1) Il recesso – 

2) La risoluzione per inadempimento – 

3) Morte dell’appaltatore – 

4) Fallimento di una delle parti – 

I) FIGURE AFFINI – cliccare su pag. 9

1) La compravendita – 

2) Il contratto d’opera – 

3) Il mandato – 

4) La somministrazione – 

5) Il trasporto –

6) Contratto d’albergo ed appalto di servizi – 

L) NOTE – cliccare su pag. 10

  A) INTRODUZIONE

 

          Il presente saggio non ambisce al rango di trattazione completa del tema del contratto d’appalto ma rappresenta, con collegamenti ipertestuali, da un lato una approfondita sintesi degli orientamenti giurisprudenziali e dall’altro una sintesi delle teorie dottrinarie inerenti.

          Il tutto senza peccare di alcuna pretesa di esaustività ma con la consapevolezza di dare atto solo degli interventi giurisprudenziali più importanti e di fornire spunti interpretativi.

          Fatta questa necessaria premessa, ebbene il contratto d’appalto, (dal latino medievale appaltum, forse dal latino ad pactum a contratto) è un contratto tipico, disciplinato all’interno del codice civile al capo VI del titolo III del libro IV, attraverso il quale ex art. 1655

 

art. 1655 c.c.   nozione

l’appalto è il contratto col quale una parte [appaltatore] assume [A] con organizzazione di mezzi necessari e [B] con gestione a proprio rischio, il compimento di un’opera o di un servizio verso un corrispettivo in denaro commissionatogli dall’altra [appaltante o committente].

 

 

Le caratteristiche

Prestazione di lavoro diretta ad uno specifico scopo L’autonomia dell’appaltatore L’esistenza di un’organizzazione

 

ll contratto di appalto, rappresentando uno degli schemi contrattuali tipici ancora in auge, è largamente utilizzato nella pratica per la costruzione di immobili e per la fornitura di servizi di assistenza, consulenza, vigilanza.

Appalto pubblico

Con riferimento ai contratti conclusi con enti pubblici o enti che svolgono servizi pubblici, è intervenuto il D. Lgs. n. 163/2006, il cosiddetto Codice dei Contratti pubblici ed il suo regolamento di esecuzione e attuazione, il D.P.R. n. 207/2010, con una disciplina ad integrazione delle norme codicistiche.

Tale saggio è opportuno precisare non tratterà tale materia, ma solo con rapidi richiami.

La natura giuridica è pur sempre quella di un contratto di diritto privato perché l’Amministrazione non assume la veste di Autorità, ma quella di contraente; non possiede, infatti, alcun mezzo giuridico autoritativo idoneo a costruire il rapporto di appalto senza o contro la volontà dell’appaltatore.

L’appalto pubblico è regolato oltre che dalle disposizione del codice civile, anche da numerose leggi e regolamenti i quali danno luogo ad una normativa vasta e non sempre organica.

Diversa dall’appalto pubblico è la concessione di un pubblico servizio perché l’autorità in questi casi interviene nell’esercizio della sua attività d’imperio e la materia che ne forma oggetto è di natura pubblica (si pensi alle concessioni di linee ferroviarie, di servizi telefonici, ecc.).

 

[……..segue pag. successiva]

Annunci
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

Lascia un commento o richiedi un consiglio