Corte di Cassazione, sezione II, sentenza 15 aprile 2014 n. 16359. La responsabilità della persona giuridica, infatti, non è affatto esclusa laddove l’ente abbia avuto un interesse concorrente a quello dell’agente o degli agenti che, in posizione qualificata nella sua organizzazione, abbiano commesso il reato

/, Corte di Cassazione, Diritto Penale e Procedura Penale, Sentenze - Ordinanze, Societario/Corte di Cassazione, sezione II, sentenza 15 aprile 2014 n. 16359. La responsabilità della persona giuridica, infatti, non è affatto esclusa laddove l’ente abbia avuto un interesse concorrente a quello dell’agente o degli agenti che, in posizione qualificata nella sua organizzazione, abbiano commesso il reato

Corte di Cassazione, sezione II, sentenza 15 aprile 2014 n. 16359. La responsabilità della persona giuridica, infatti, non è affatto esclusa laddove l’ente abbia avuto un interesse concorrente a quello dell’agente o degli agenti che, in posizione qualificata nella sua organizzazione, abbiano commesso il reato

Cassazione toga nera

Il testo integrale

 

Corte di Cassazione, sezione II, sentenza 15 aprile 2014 n. 16359

Lascia un commento