Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 1 aprile 2014, n. 7524. In tema di risarcimento del danno alla persona, sussiste la risarcibilita’ del danno patrimoniale soltanto qualora sia riscontrabile la eliminazione o la riduzione della capacita’ del danneggiato di produrre reddito, mentre il danno da lesione della “cenestesi lavorativa”, che consiste nella maggiore usura, fatica e difficolta’ incontrate nello svolgimento dell’attivita’ lavorativa, non incidente neanche sotto il profilo delle opportunita’ sul reddito della persona offesa (c.d. perdita di chance), risolvendosi in una compromissione biologica dell’essenza dell’individuo, va liquidato onnicomprensivamente come danno alla salute. Ai fini della risarcibilita’ di un siffatto danno patrimoniale, occorre quindi la concreta dimostrazione che la riduzione della capacita’ lavorativa si sia tradotta in un effettivo pregiudizio economico e la prova del danno grava sul soggetto che chiede il risarcimento. Invero, anche se tale prova puo’ essere anche presuntiva, la riduzione della capacita’ di guadagno deve essere dimostrata in termini di sufficiente certezza ed il danneggiato ha l’onere di provare come ed in quale misura la menomazione fisica abbia inciso ed incida sulla capacita’ di guadagno.

/, Corte di Cassazione, Diritto Civile e Procedura Civile, Sentenze - Ordinanze/Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 1 aprile 2014, n. 7524. In tema di risarcimento del danno alla persona, sussiste la risarcibilita’ del danno patrimoniale soltanto qualora sia riscontrabile la eliminazione o la riduzione della capacita’ del danneggiato di produrre reddito, mentre il danno da lesione della “cenestesi lavorativa”, che consiste nella maggiore usura, fatica e difficolta’ incontrate nello svolgimento dell’attivita’ lavorativa, non incidente neanche sotto il profilo delle opportunita’ sul reddito della persona offesa (c.d. perdita di chance), risolvendosi in una compromissione biologica dell’essenza dell’individuo, va liquidato onnicomprensivamente come danno alla salute. Ai fini della risarcibilita’ di un siffatto danno patrimoniale, occorre quindi la concreta dimostrazione che la riduzione della capacita’ lavorativa si sia tradotta in un effettivo pregiudizio economico e la prova del danno grava sul soggetto che chiede il risarcimento. Invero, anche se tale prova puo’ essere anche presuntiva, la riduzione della capacita’ di guadagno deve essere dimostrata in termini di sufficiente certezza ed il danneggiato ha l’onere di provare come ed in quale misura la menomazione fisica abbia inciso ed incida sulla capacita’ di guadagno.

Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 1 aprile 2014, n. 7524. In tema di risarcimento del danno alla persona, sussiste la risarcibilita’ del danno patrimoniale soltanto qualora sia riscontrabile la eliminazione o la riduzione della capacita’ del danneggiato di produrre reddito, mentre il danno da lesione della “cenestesi lavorativa”, che consiste nella maggiore usura, fatica e difficolta’ incontrate nello svolgimento dell’attivita’ lavorativa, non incidente neanche sotto il profilo delle opportunita’ sul reddito della persona offesa (c.d. perdita di chance), risolvendosi in una compromissione biologica dell’essenza dell’individuo, va liquidato onnicomprensivamente come danno alla salute. Ai fini della risarcibilita’ di un siffatto danno patrimoniale, occorre quindi la concreta dimostrazione che la riduzione della capacita’ lavorativa si sia tradotta in un effettivo pregiudizio economico e la prova del danno grava sul soggetto che chiede il risarcimento. Invero, anche se tale prova puo’ essere anche presuntiva, la riduzione della capacita’ di guadagno deve essere dimostrata in termini di sufficiente certezza ed il danneggiato ha l’onere di provare come ed in quale misura la menomazione fisica abbia inciso ed incida sulla capacita’ di guadagno.

Cassazione toga rossa

Suprema Corte di Cassazione

sezione III

sentenza 1 aprile 2014, n. 7524

REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. RUSSO Libertino Alberto – Presidente

Dott. CARLEO Giovanni – rel. Consigliere

Dott. SPIRITO Angelo – Consigliere

Dott. TRAVAGLINO Giacomo – Consigliere

Dott. RUBINO Lina – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 16000/2010 proposto da:

(OMISSIS) (OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende giusta delega a margine;

– ricorrente –

contro

(OMISSIS) SPA (OMISSIS) (gia’ (OMISSIS) SPA, gia’ (OMISSIS) SPA, gia’ (OMISSIS) SPA), in persona del suo procuratore ad negotia, Dott.ssa (OMISSIS), elettivamente domiciliata ex lege in ROMA, presso la CANCELLERIA DELLA CORTE DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa dall’avvocato (OMISSIS) giusta delega a margine;

– controricorrente –

e contro

(OMISSIS);

– intimato –

avverso la sentenza n. 490/2009 della CORTE D’APPELLO di CATANZARO, depositata il 18/06/2009 R.G.N. 375/2005;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 22/01/2014 dal Consigliere Dott. GIOVANNI CARLEO;

udito l’Avvocato (OMISSIS);

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. BASILE Tommaso, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con citazione ritualmente notificata (OMISSIS) conveniva in giudizio la (OMISSIS) Spa ed (OMISSIS) per fare accertare l’esclusiva responsabilita’ dei convenuti in ordine alla causazione di un sinistro stradale nel quale era stato coinvolto e per farli condannare al risarcimento dei danni subiti. Esponeva che, in data (OMISSIS), mentre percorreva il centro abitato di (OMISSIS), a bordo della propria moto Honda 600, era stato investito dalla Fiat Panda condotta dal (OMISSIS), che aveva invaso l’opposta corsia di marcia e lo aveva colpito alla gamba sinistra facendolo cadere dalla moto.

In esito al giudizio in cui si costituiva la compagnia assicurativa il Tribunale adito condannava i convenuti al pagamento della somma di euro 93.773,05 oltre interessi legali sino al soddisfo. Avverso tale decisione lo (OMISSIS) proponeva appello lamentando tra l’altro il mancato riconoscimento del danno per effetto della riduzione della capacita’ lavorativa specifica perche’, anche se aveva continuato a percepire la retribuzione quale assistente medico di ortopedia, era presumibile il carattere maggiormente usurante delle prestazioni svolte. In esito al giudizio, in cui si costituiva la (OMISSIS), gia’ (OMISSIS) e (OMISSIS), la Corte di Appello di Catanzaro con sentenza depositata in data 18 giugno 2009 condannava i convenuti in solido al pagamento della somma di euro 2.169,11 con rivalutazione dalla data del 10.10.1990 ed interessi graduali sul capitale via via rivalutato sino alla data della decisione e ulteriori interessi sino al soddisfo; dichiarava che sulla somma liquidata in primo grado pari a 2.592,48 per danni al mezzo andava riconosciuta la rivalutazione dalla data di deposito dell’ATP sino alla data della decisione di primo grado e interessi graduali sul capitale devalutato alla data del sinistro e rivalutato sino alla data della prima decisione condannando i convenuti al relativo pagamento, confermava nel resto la sentenza di primo grado e compensava le spese del grado di appello.

Avverso la detta sentenza lo (OMISSIS) ha quindi proposto ricorso per cassazione articolato in due motivi. Resiste l’ (OMISSIS) con controricorso.

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con la prima doglianza, deducendo la violazione e/o falsa applicazione degli articoli 2043 e 2056 c.c., articoli 115 e 116 c.p.c., l’omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione in relazione alle prove dedotte, l’insufficiente motivazione sul punto della non liquidazione del danno da capacita’ lavorativa specifica, il ricorrente ha censurato la sentenza impugnata per aver la Corte di Appello errato in quanto, in corrispondenza della presenza documentata di una riduzione della capacita’ lavorativa specifica nella misura del 15 % e del provato svolgimento di lavoro autonomo oltre quello dipendente, avrebbe dovuto riconoscere al danneggiato il diritto al risarcimento da perdita di reddito, posto che la perdita di chance non va intesa come deminutio patrimonii ma come deminutio spei. Peraltro, la motivazione della Corte ai fini dell’esclusione del danno da riduzione specifica della capacita’ lavorativa sarebbe stata altresi’ inadeguata in relazione alle risultanze peritali che avevano accertato l’impossibilita’ di accovacciamento del danneggiato.

La censura e’ infondata. Invero, costituisce principio giurisprudenziale ormai consolidato quello, secondo cui in tema di risarcimento del danno alla persona, sussiste la risarcibilita’ del danno patrimoniale soltanto qualora sia riscontrabile la eliminazione o la riduzione della capacita’ del danneggiato di produrre reddito, mentre il danno da lesione della “cenestesi lavorativa”, che consiste nella maggiore usura, fatica e difficolta’ incontrate nello svolgimento dell’attivita’ lavorativa, non incidente neanche sotto il profilo delle opportunita’ sul reddito della persona offesa (c.d. perdita di chance), risolvendosi in una compromissione biologica dell’essenza dell’individuo, va liquidato onnicomprensivamente come danno alla salute. (Cass. n. 5840/2004). Ai fini della risarcibilita’ di un siffatto danno patrimoniale, occorre quindi la concreta dimostrazione che la riduzione della capacita’ lavorativa si sia tradotta in un effettivo pregiudizio economico (Cass. n. 3290/2013, n. 4493/2011) e la prova del danno grava sul soggetto che chiede il risarcimento. Invero, anche se tale prova puo’ essere anche presuntiva, la riduzione della capacita’ di guadagno deve essere dimostrata in termini di sufficiente certezza ed il danneggiato ha l’onere di provare come ed in quale misura la menomazione fisica abbia inciso ed incida sulla capacita’ di guadagno.

Nel caso di specie, la Corte di merito ha statuito che l’invalidita’ riscontrata non era di entita’ tale da consentire di ritenere, anche in via presuntiva, che il Dott. (OMISSIS) non potesse continuare a svolgere l’attivita’ di medico chirurgo, lavorando in sala operatoria o in sala gessi, seppure con maggiore sforzo ed usura. Senza trascurare che essa appariva di nessun rilievo nell’ambito dell’esercizio di uno studio ortopedico, come libero professionista, attivita’ che di per se’ non necessita di rilevante impegno fisico.

Ed e’ appena il caso di evidenziare come la motivazione, riportata nella sua essenzialita’, che costituisce espressione di un giudizio di mero fatto, in quanto tale, sottratto al sindacato di legittimita’, sia in linea con il consolidato orientamento di questa Corte secondo cui, se e’ possibile presumere che la capacita’ di guadagno risulti ridotta nella sua proiezione futura, occorre necessariamente che la riduzione della capacita’ di lavoro specifica sia di una certa entita’ e non rientri tra i postumi permanenti di piccola entita’ (Cass. n. 2644/2013). Ne deriva il rigetto della doglianza in esame.

E’ invece inammissibile la seconda censura, articolata sotto il profilo della violazione e/o falsa applicazione del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 8, e dell’articolo 90 c.p.c. e ss, nonche’ della motivazione omessa, con cui il ricorrente ha lamentato che la Corte territoriale non avrebbe tenuto conto di tutte le attivita’ svolte in primo grado ed avrebbe disatteso arbitrariamente la specifica depositata.

L’inammissibilita’ deriva dal rilievo che il motivo non e’ accompagnato da alcun quesito di diritto. Ed invero, ai sensi dell’articolo 366 bis c.p.c., introdotto dal Decreto Legislativo n. 40 del 2006, articolo 6, applicabile alle sentenze pubblicate dal 2 marzo 2006, i motivi del ricorso per cassazione, nei casi previsti dall’articolo 360 c.p.c., comma 1, nn. 1), 2), 3), 4), devono essere accompagnati, a pena di inammissibilita’ – giusta la previsione dell’articolo 375 c.p.c., n. 5 – dalla formulazione di un esplicito quesito di diritto, che si risolva, secondo l’insegnamento delle Sezioni Unite, in una chiara sintesi logico-giuridica della questione sottoposta al vaglio del giudice di legittimita’, formulata in termini tali per cui dalla risposta – negativa od affermativa – che ad esso si dia, discenda in modo univoco l’accoglimento od il rigetto del gravame (Sez. Un. n. 23732/07).

Considerato che la sentenza impugnata appare esente dalle censure dedotte, ne consegue che il ricorso per cassazione in esame deve essere rigettato. Segue la condanna del ricorrente alla rifusione delle spese di questo giudizio di legittimita’, liquidate come in dispositivo, alla stregua dei soli parametri di cui al Decreto Ministeriale n. 140 del 2012 sopravvenuto a disciplinare i compensi professionali.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso. Condanna il ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimita’ che liquida in complessivi euro 3.200,00 di cui euro 3.000,00 per compensi, oltre accessori di legge, ed euro 200,00 per esborsi.

Lascia un commento