Corte di Cassazione, sezione IV, sentenza 17 febbraio 2014, n. 7363. Stupefacenti: la fattispecie di lieve entità dopo il Decreto svuota-carceri

2

Sommario

 Cassazione logo

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE IV PENALE

Sentenza  17 febbraio 2014, n. 7363

REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SEZIONE QUARTA PENALE
Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:
Dott. SIRENA Pietro A – Presidente –
Dott. FOTI Giacomo – Consigliere –
Dott. MASSAFRA Umberto – Consigliere –
Dott. CIAMPI F. – rel. Consigliere –
Dott. VITELLI CASELLA Luca – Consigliere –
ha pronunciato la seguente:
sentenza
sul ricorso proposto da:
F.N.A. N. IL (OMISSIS);
avverso la sentenza della CORTE D’APPELLO DI CALTANISETTA in data 11 ottobre 2012;
sentita la relazione fatta dal Consigliere dott. FRANCESCO MARIA CIAMPI;
sentite le conclusioni del PG in persona della dott.ssa Maria Giuseppina Fodaroni che ha chiesto dichiararsi inammissibile il ricorso e per il ricorrente l’avvocato Mazzara Bologna Filippo che ha chiesto l’accoglimento del ricorso.
Svolgimento del processo
1. Con sentenza in data 11 ottobre 2012 la Corte d’appello di Caltanissetta, in parziale riforma della sentenza resa dal Tribunale di Nicosia in data 12 ottobre 2010, appellata dall’imputato, riconosceva allo stesso la circostanza attenuante ad effetto speciale di cui al D.P.R. n. 309 del 1990, art. 73, comma 5 e per l’effetto rideterminava la pena in anni tre e mesi otto di reclusione.
Il F. era stato tratto a giudizio per rispondere di plurime violazioni del citato art. 73 per aver acquistato ed offerto in vendita sostanza stupefacente del tipo cocaina.
2. Avverso tale decisione propone ricorso a mezzo del proprio difensore l’imputato deducendo la nullità della sentenza per violazione di norme processuali ex art. 606 c.p.p., comma 1 lett. b) e c) in relazione agli artt. 178 e ss. e 552 c.p.p.; la nullità della sentenza per violazione di norme processuali ex art. 606 c.p.p., comma 1, lett. c) in relazione agli artt. 125 e 267 c.p.p.;
la nullità della sentenza per violazione di norme processuali ex art. 606 c.p.p., comma 1, lett. c) in relazione all’art. 195 c.p.p.;
la nullità della sentenza per violazione di norme processuali ex art. 606 c.p.p., comma 1, lett. c) in relazione all’art. 495 c.p.p., comma 4 bis; la nullità della sentenza per violazione di norme processuali ex art. 606 c.p.p., comma 1, lett. c) in relazione agli artt. 192 e 546 c.p.p.; la nullità della sentenza per violazione di norme processuali ex art. 606 c.p.p., comma 1, lett. b) in relazione all’art. 133 c.p..
Motivi della decisione
3. E’ stato recentissimamente adottato, nelle forme della decretazione d’urgenza, un articolato intervento normativo (il D.L. 23 dicembre 2013, n. 146 in G.U. 23 dicembre 2013, n. 300) riguardante tra l’altro i reati concernenti le sostanze stupefacenti.
In particolare l’art. 2, lett. a) del decreto – significativamente rubricato ai fini di quanto si rileverà in prosieguo “Delitto di condotte illecite in tema di sostanze stupefacenti o psicotrope di lieve entità” – modifica il D.P.R. n. 309 del 1990, art. 73, comma 5, che prevede pene inferiori per i reati in materia di stupefacenti configurati nello stesso articolo, qualora i fatti contestati possano essere considerati di lieve entità in forza dei parametri contemplati nello stesso comma.
La fattispecie in questione prima del suddetto intervento era stata qualificata dalla giurisprudenza di legittimità come circostanza attenuante ad effetto speciale e non già come titolo autonomo di reato, essendosi a riguardo posto in rilievo come nella stessa siano valorizzati elementi (come i mezzi, la modalità, le circostanze dell’azione, la qualità e quantità delle sostanze) che non altererebbero l’obiettività giuridica e la struttura di quelle previste nei precedenti commi dell’art. 73, ma si limiterebbero ad attribuire alle medesime una minore carica offensiva (cfr. ex plurimis, Sez. Un., n. 9148 del 31 maggio 1991, Parisi, Rv. 187930, ribadita dalle stesse Sezioni Unite, anche a seguito delle modifiche introdotte dalla L. n. 49 del 2006, art. 4-bis, Sentenza, n. 35737 del 24 giugno 2010, Rv. 247910).
Nella disposizione in questione la novella ha inserito innanzi tutto una clausola di sussidiarietà (“salvo che il fatto non costituisca più grave reato”). In secondo luogo, pur conservando l’originaria descrizione del nucleo caratterizzante la fattispecie materiale, ha provveduto ad inserirla tra due proposizioni e cioè “chiunque commette uno dei fatti previsti dal presente articolo” ed “è punito con le pene”, quest’ultima destinata a sostituire la precedente formula “si applicano le pene”. Infine è stato rimodulato il limite massimo edittale della pena detentiva, abbassato da sei a cinque anni di reclusione.
Ciò posto osserva la Corte: deve ritenersi che con le apportate modifiche il legislatore ha inteso mutare la qualificazione giuridica della fattispecie, trasformando quella che era considerata – come sopra ricordato – una circostanza attenuante in un titolo autonomo di reato, come può desumersi, in primo luogo, dalla stessa interpretazione letterale della norma.
Rilevano a tal proposito, oltre alla citata rubricazione dell’art. 2, in primo luogo, l’ambito di applicazione della norma che è segnato in negativo dalla configurabilità di un “più grave reato”, espressione da cui può desumersi che il fatto considerato dall’art. 73, comma 5 costituisca esso stesso già un “reato”.
In secondo luogo la espressa previsione di un soggetto attivo (“chiunque”) e di una condotta (“commette”) appaiono sicuramente indici sintomatici quanto mai significativi della volontà del legislatore di incriminare in maniera autonoma fatti la cui descrizione è pur sempre in parte mutuata da altre disposizioni incriminatrici, ma che nel citato comma 5 trovano una loro ulteriore caratterizzazione attraverso la descrizione delle condizioni che li rendono di “lieve entità”.
Peraltro l’intenzione di configurare “una nuova ipotesi di reato in luogo della previgente circostanza attenuante” emerge espressamente in termini dal comunicato stampa rilasciato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri all’esito del Consiglio dei Ministri n. 41 del 17 dicembre 2013 ed anche la relazione alla legge di conversione espressamente qualifica quella dell’art. 73, riformulato comma 5 come fattispecie autonoma di reato.
4. Nè può trascurarsi la ratio complessiva della novella, alla cui base vi è infatti il desiderio di ridurre la presenza nella popolazione carceraria dei tossicodipendenti, assai spesso detenuti a seguito della commissione di fatti concernenti gli stupefacenti di contenuta gravità e dunque facilmente inquadrabili nello schema dell’art. 73, comma 5.
La nuova previsione normativa, comportando una pena edittale inferiore è indubbiamente più favorevole per l’imputato, con la conseguenza della sua immediata applicazione ex art. 2 c.p., comma 4.
Tanto considerato, osserva la Corte: ratione temporis al reato contestato all’imputato si applica, quanto al regime prescrizionale, la disciplina introdotta dalla L. n. 251 del 2005, che come è noto non tiene conto dell’eventuale riconoscimento di circostanze attenuanti. In tal senso fatti il cui termine ordinario era calibrato in precedenza sul massimo edittale di pena prevista per la fattispecie “base” (vent’anni), vede ora maturare la causa estintiva in sei anni ovvero, tenendo conto del termine prorogato, al massimo in sette anni e sei mesi.
Nella specie risalendo il reato al periodo tra il mese di maggio ed il 1 ottobre 2004, ed anche avuto riguardo ai periodi di sospensione (per il 1^ grado dall’11.2 al 17.3.2009; dal 16.12.2009 al 2.2.2010;
dal 2.2.2010 al 31.3.2010 nonchè di ulteriori sessanta giorni per il 2^ grado) detto termine è ampiamente maturato.
Non sussistendo profili di inammissibilità nè, alla luce delle decisioni di merito, i presupposti per l’applicazione dell’art. 129 c.p.p. ai fini di un proscioglimento; la gravata sentenza va annullata senza rinvio per essere il reato ascritto al F. estinto per intervenuta prescrizione.
P.Q.M.
annulla senza rinvio la sentenza impugnata perchè il reato è estinto per prescrizione.
Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 9 gennaio 2014.
Depositato in Cancelleria il 17 febbraio 2014.