Corte di Cassazione, sezione I, sentenza 5 marzo 2014, n. 5237. L’ascolto del minore, avente capacita’ di discernimento, ha una rilevanza cognitiva, in quanto l’esito di quel colloquio puo’ consentire al giudice di valutare direttamente se sussista o meno il fondato rischio, per il minore medesimo, di essere esposto, per il fatto del suo ritorno, a pericoli psichici, o comunque di trovarsi in una situazione intollerabile

/, Corte di Cassazione, Delle persone e della Famiglia, Diritto Civile e Procedura Civile, Sentenze - Ordinanze/Corte di Cassazione, sezione I, sentenza 5 marzo 2014, n. 5237. L’ascolto del minore, avente capacita’ di discernimento, ha una rilevanza cognitiva, in quanto l’esito di quel colloquio puo’ consentire al giudice di valutare direttamente se sussista o meno il fondato rischio, per il minore medesimo, di essere esposto, per il fatto del suo ritorno, a pericoli psichici, o comunque di trovarsi in una situazione intollerabile

Corte di Cassazione, sezione I, sentenza 5 marzo 2014, n. 5237. L’ascolto del minore, avente capacita’ di discernimento, ha una rilevanza cognitiva, in quanto l’esito di quel colloquio puo’ consentire al giudice di valutare direttamente se sussista o meno il fondato rischio, per il minore medesimo, di essere esposto, per il fatto del suo ritorno, a pericoli psichici, o comunque di trovarsi in una situazione intollerabile

Cassazione logo

Suprema Corte di Cassazione

sezione I
sentenza 5 marzo 2014, n. 5237

REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SEZIONE PRIMA CIVILE
Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:
Dott. LUCCIOLI Maria Gabriella – Presidente
Dott. GIANCOLA Maria Cristina – Consigliere
Dott. CAMPANILE Pietro – rel. Consigliere
Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere
Dott. SAN GIORGIO Maria Rosaria – Consigliere
ha pronunciato la seguente:
SENTENZA
sul ricorso proposto da:
(OMISSIS) elettivamente domiciliato in (OMISSIS), nello studio dell’avv. (OMISSIS), che lo rappresenta e difende unitamente all’avv. (OMISSIS), giusta procura speciale a margine del ricorso;
– ricorrente –
contro
(OMISSIS) elettivamente domiciliata in (OMISSIS), nello studio dell’avv. (OMISSIS), che la rappresenta e difende giusta procura speciale in calce al controricorso;
– controricorrente –
e contro
PROCURATORE GENERALE PRESSO LA CORTE DI APPELLO DI FIRENZE PROCURATORE DELLA REPUBBLICA DEL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI FIRENZE;
– intimati –
avverso il decreto del Tribunale per i Minorenni di Firenze, depositato il 18 settembre 2012, n. 1481/12 V.G.;
sentita la relazione svolta all’udienza pubblica del 15 ottobre 2013 del consigliere Dott. Pietro Campanile;
sentito per il ricorrente l’avv. (OMISSIS);
sentito per la controricorrente l’avv. (OMISSIS);
udite le richieste del Procuratore Generale, in persona del sostituto Dott. Sergio Del Core, il quale ha concluso per il rigetto del ricorso.
SVOLGIMENTO DEL PROCESSO
1 – Con il decreto indicato in epigrafe il Tribunale per i Minorenni di Firenze ordinava il rientro immediato della minore (OMISSIS) negli Stati Uniti d’America, e piu’ precisamente in (OMISSIS), presso la madre (OMISSIS), condannando il padre al pagamento delle spese processuali.
1.1 – Venivano preliminarmente richiamate le tappe salienti di un conflitto giudiziario aspro e complesso, evidenziandosi che (OMISSIS) e (OMISSIS) avevano contratto matrimonio nel (OMISSIS), dove era nata, il (OMISSIS), la figlia (OMISSIS). Trasferitisi in Italia, nell’anno 2004 i coniugi si erano separati, e la predetta minore era stata affidata in via esclusiva alla madre.
1.2 – Successivamente, anche a seguito delle intervenute modifiche legislative, era stato disposto l’affidamento condiviso di (OMISSIS), la quale rimaneva collocata presso la madre in (OMISSIS).
1.3 – Tale statuizione veniva confermata successivamente dal Tribunale di Pisa, che a un certo punto, avendo il padre trattenuto la figlia in Italia dopo un periodo di visita, disponeva la riconsegna della predetta minore alla madre, che veniva eseguita nel marzo del 2011.
1.4 – Con sentenza depositata il 27 maggio 2011 la Corte di appello di Firenze, in riforma della decisione di primo grado, disponeva che la predetta minore venisse affidata in via esclusiva al padre.
1.5 – La Corte di Famiglia di New York, dopo aver emesso divieto di espatrio della minore il 2 agosto 2011, il successivo 30 agosto disponeva l’esecutivita’ di detta decisione, che, tuttavia, sospendeva il successivo 9 settembre 2011, nella pendenza di un procedimento inerente all’accertamento della giurisdizione.
1.6 – In data 7 febbraio 2012 la predetta Corte statunitense declinava la propria giurisdizione in favore di quella italiana.
1.7 – Tale decisione, ritualmente impugnata, veniva sospesa in data 14 febbraio 2012, unitamente all’esecutorieta’ della sentenza emessa dalla Corte di appello di Firenze, poi impugnata, con ricorso per cassazione di entrambi i coniugi, nel luglio successivo.
1.8 – In data (OMISSIS) il (OMISSIS) aveva prelevato la figlia all’uscita della scuola e l’aveva condotta con se’ in Italia.
1.9 – Tanto premesso, rilevava il Tribunale che, a fronte della richiesta di rimpatrio presentata all’Autorita’ Centrale di Washington dalla (OMISSIS) ai sensi dell’articolo 8 della Convenzione dell’Aja del 25 ottobre 1980, dovesse affermarsi la natura illegale della sottrazione della figlia posta in essere dal padre, atteso che la stessa era stata trasferita dalla residenza abituale, per tale dovendosi intendere il luogo in cui il minore, in virtu’ di una durevole e stabile permanenza, anche di fatto, ha il centro dei propri legami affettivi. Nella specie – si osservava – era pacificamente emerso che la madre esercitasse il diritto di custodia sulla figlia, la quale viveva da tempo con lei e con una sorella a (OMISSIS), dove frequentava la scuola e coltivava relazioni sociali.
1.10 – Passando all’esame degli altri requisiti richiesti dall’articolo 13 della citata convenzione, che venivano congiuntamente esaminati, il Tribunale dava atto delle risultanze dell’audizione della minore, la quale, ormai tredicenne e “assolutamente in grado di esprimere il proprio pensiero, le proprie emozioni, gli stati d’animo e le proprie esigenze”, aveva manifestato una volonta’ nettamente contraria al rimpatrio, desiderando rimanere con il padre.
1.11 – A tale riguardo veniva osservato che dalle risultanze processuali e dalla stessa audizione della minore non era emerso il rischio di un’esposizione a rischi psicologici, ne’ a una situazione intollerabile, in quanto la predetta (OMISSIS) in (OMISSIS) aveva relazioni affettive e sociali ben radicate e prive di qualsiasi anomalia, laddove la preferenza espressa per la convivenza con il padre poteva attribuirsi a una maggiore empatia con lo stesso e ad una maggiore permissivita’ del genitore stesso, di per se’ stessa contraria – in quanto ispirata a censurabili criteri educativi all’interesse della minore.
1.12 – Per la cassazione di tale decisione il (OMISSIS) propone ricorso, affidato a tre motivi, cui la (OMISSIS) resiste con controricorso.
Le parti hanno depositato memorie ai sensi dell’articolo 378 c.p.c..
MOTIVI DELLA DECISIONE
2 – Con il primo motivo si deduce violazione e falsa applicazione, ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3, dell’articolo 13, comma 2, della Convenzione sugli aspetti civili della sottrazione internazionale di minori, fatta a L’Aja il 25 ottobre 1980 e ratificata in Italia con Legge n. 64 del 1994. Si sostiene che, trattando congiuntamente le due ipotesi previste dall’articolo 13, comma 1, lettera b), e comma 2, della Convenzione dell’Aja teste’ richiamata, il Tribunale ha finito per attribuire all’ascolto della minore, della quale aveva per altro evidenziato la piena capacita’ di discernimento, una funzione meramente ricognitiva del rischio di pericolo fisico o psichico in caso di rientro, laddove la contraria volonta’ del minore, nella specie espressamente manifestata, costituisce un’ipotesi del tutto autonoma, da valutarsi indipendentemente da quella inerente a eventuali pericoli correlati al rientro.
2.1 – Con il secondo motivo si denuncia violazione e falsa applicazione dell’articolo 13, comma 1, lettera b), della convenzione dell’Aja del 25 ottobre 1980, in quanto, pur avendo acquisito la sentenza della Corte di appello di Firenze che disponeva l’affidamento esclusivo della minore al padre, il Tribunale non ne avrebbe tratto tutte le conseguenze, indipendentemente dai profili riguardanti la giurisdizione, in ordine alla valutazione dell’interesse della minore.
2.2 – La terza censura, formulata con riferimento all’articolo 91 c.p.c., attiene al regolamento delle spese processuali.
3 – Il primo motivo e’ fondato.
3.1 – Il Tribunale, dopo aver verificato positivamente la ricorrenza del presupposto della violazione, da parte del padre, dell’esercizio della custodia effettivamente e legittimamente esercitato dalla (OMISSIS) sulla figlia (OMISSIS), ha rilevato come non fosse ostativa all’accoglimento della richiesta di rientro immediato della minore stessa la sua manifestazione di una contraria volonta’, in quanto non determinata da una “paventata situazione di pericolo derivante dal risiedere in (OMISSIS) o insita nel rapporto con la madre, quanto per una netta preferenza da lei espressa per la convivenza col padre e col suo nucleo familiare”.
Nell’evidenziare che “la volonta’ della minore anche nell’opporsi al rientro negli Stati Uniti non ha tuttavia evidenziato alcuna situazione per le i di pericolo in quello Stato”, il Tribunale ha evidentemente ritenuto di conformarsi, tuttavia non apprezzandolo nella sua complessiva portata, all’orientamento, gia’ espresso da questa Corte, secondo cui “l’ascolto del minore, avente capacita’ di discernimento, ha una rilevanza cognitiva, in quanto l’esito di quel colloquio puo’ consentire al giudice di valutare direttamente se sussista o meno il fondato rischio, per il minore medesimo, di essere esposto, per il fatto del suo ritorno, a pericoli psichici, o comunque di trovarsi in una situazione intollerabile (Cass., 11 agosto 2011, n. 17201, in motiv.; Cass., 27 luglio 2007, n. 16753).
3.2 – In realta’, la funzione riduttiva, nel senso meramente cognitivo, alla volonta’ espressa dal minore e’ stata, nei precedenti sopra richiamati, espressamente limitata all’ipotesi in cui la volonta’ di opporsi al rientro “provenga da un minore che – secondo il motivato apprezzamento del Tribunale per i minorenni – non abbia ancora raggiunto l’eta’ ed il grado di maturita’ tali da giustificare il rispetto della sua opinione”.
3.3 – Tale orientamento, per altro, deve essere rimeditato, in considerazione della sempre maggiore rilevanza che l’ascolto del minore ha assunto tanto nel nostro ordinamento quanto in ambito internazionale, ragion per cui deve ritenersi che ormai non residuino spazi per assegnare all’ascolto una sussidiaria funzione meramente cognitiva, nel caso che un minore sia in grado di esprimere la propria volonta’, avendo – come riconosce nella specie il Tribunale – piena capacita’ di discernimento. Sotto tale profilo la distinzione lessicale tra questa formula e il raggiungimento da parte del minore, secondo la terminologia adottata dalla Convenzione dell’Aja all’articolo 13, comma 2, di un’eta’ e una maturita’ tali da giustificare il rispetto della sua opinione, appare sempre piu’ sfuocata, fino al punto di dover ritenere che quando, ricorrendone i presupposti, si sia proceduto all’ascolto del minore, della volonta’ cosi’ manifestata si debba sempre e necessariamente tener conto anche in materia di sottrazione internazionale di minori.
3.4 – Sotto il primo profilo, deve porsi in evidenza come i recenti interventi normativi in materia di filiazione (articolo 315 bis c.c.; Legge n. 219 del 2012, articolo 2, comma 1) pongano l’ascolto del minore, come evidenzia anche la nuova “sedes materiae”, fra le regole fondamentali e generali attraverso le quali, realizzandosi il riconoscimento dell’ascolto stesso come diritto assoluto del minore, viene perseguito il suo interesse superiore, corrispondente al suo sviluppo armonico psichico, fisico e relazionale, da perseguirsi anche attraverso l’immediata percezione delle sue opinioni in merito alle scelte che lo riguardano, consentendo, in tal modo, la partecipazione del minore stesso al giudizio, in quanto “parte in senso sostanziale” (cosi’ Cass., Sez., un., n. 22238 del 2009).
3.5 – Con riferimento, poi, alla normativa pattizia sovranazionale, costituisce un dato ormai pienamente acquisito il principio secondo cui l’audizione dei minori, gia’ prevista nell’articolo 12 della Convenzione di New York sui diritti del fanciullo, e’ divenuta un adempimento necessario, nelle procedure giudiziarie che li riguardino, ai sensi degli articoli 3 e 6 della Convenzione di Strasburgo del 25 gennaio 1996, ratificata con la Legge 20 marzo 2003, n. 77, per cui ad essa deve procedersi, salvo che possa arrecare danno al minore stesso, come risulta dal testo della norma sovranazionale e dalla giurisprudenza di questa Corte (cfr. Cass., ord., n. 9094 del 2007, nonche’ Cass., Sez. Un., n 22238 del 2009).
3.6 – Nella sentenza impugnata, come gia’ ricordato, il Tribunale, pur avendo dato atto della piena maturita’ conseguita dalla minore (OMISSIS), per altro corrispondente alla sua eta’, ha relegato tale manifestazione in primo luogo nell’ambito della funzione sussidiaria dell’accertamento dell’esistenza o meno di una situazione di pericolo (a tal punto da esaminare congiuntamente le due ipotesi che, anche in virtu’ delle superiori considerazioni, assumono una valenza del tutto autonoma, e debbono essere distintamente considerate), ed ha poi, sempre nell’ottica privilegiata della funzione cognitiva sopra indicata, osservato che la minore “ha manifestato la propria contraria volonta’ al rientro, e cio’ non per una paventata situazione di pericolo derivante dal risiedere a (OMISSIS) o insita nel rapporto con la madre, quanto per una netta preferenza da lei espressa per la convivenza col padre e col suo nuovo nucleo familiare”. Anche le circostanze esaminate in seguito, inerenti ai rapporti dell’adolescente con i genitori, costituiscono ulteriori esplicazioni inerenti all’analisi delle risultanze istruttorie al fine di “poter escludere di esporre la minore (OMISSIS) a rischi psicologici, a maggior ragione fisici o ad una situazione intollerabile mediante il suo rimpatrio in (OMISSIS)”.
In tal modo il giudice del merito si e’ sostanzialmente sottratto al compito di tener conto di quella “netta preferenza” espressa dalla minore, non finalizzata all’evidenziazione di e-ventuali rischi, ma all’esplicitazione delle proprie aspirazioni, di un vero e proprio progetto di vita, non privo di risvolti esistenziali ed affettivi, sorretto da una fortissima volizione, desumibile (come chiaramente traspare dal contenuto delle memorie illustrative depositate ai sensi dell’articolo 378 c.p.c.) dalle insormontabili difficolta’ manifestatesi in sede esecutiva.
3.7 – Deve, pertanto, enunciarsi il principio secondo cui la volonta’ contraria manifestata in ordine al proprio rientro da un minorenne che abbia un’eta’ e una maturita’ tali, secondo l’apprezzamento del giudice del merito, da giustificare il rispetto della sua opinione, puo’ costituire, ai sensi dell’articolo 13, comma 2, della Convenzione dell’Aja, ipotesi, distintamente valutabile, ostativa all’accoglimento della domanda di rimpatrio.
4 – Rimanendo assorbite le altre censure, il ricorso, pertanto, deve essere accolto e la sentenza impugnata deve essere cassata, con rinvio al Tribunale per i minorenni di Firenze che, in diversa composizione, esaminera’ la richiesta di rientro applicando il principio sopra richiamato e provvedendo, altresi’, al regolamento delle spese processuali inerenti al presente giudizio di legittimita’.
P.Q.M.
La Corte accoglie il primo motivo di ricorso, assorbiti gli altri. Cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese, al Tribunale per i minorenni di Firenze, in diversa composizione. Dispone che in caso di diffusione del presente provvedimento siano omesse le generalita’ e gli altri dati identificativi, a norma del Decreto Legislativo n. 196 del 2003, articolo 52.

Lascia un commento