Corte di Cassazione, sezione V, sentenza 24 febbraio 2014, n. 8794. Sussiste l’aggravante di cui all’art. 625, comma primo, n. 7 c.p. qualora il furto della cosa esposta alla pubblica fede sia commesso in un luogo avente un sistema di videosorveglianza

/, Corte di Cassazione, Diritto Penale e Procedura Penale, Sentenze - Ordinanze/Corte di Cassazione, sezione V, sentenza 24 febbraio 2014, n. 8794. Sussiste l’aggravante di cui all’art. 625, comma primo, n. 7 c.p. qualora il furto della cosa esposta alla pubblica fede sia commesso in un luogo avente un sistema di videosorveglianza

Corte di Cassazione, sezione V, sentenza 24 febbraio 2014, n. 8794. Sussiste l’aggravante di cui all’art. 625, comma primo, n. 7 c.p. qualora il furto della cosa esposta alla pubblica fede sia commesso in un luogo avente un sistema di videosorveglianza

"201111161757 ARCLLBGRNID provenienza CentroDocumentazione uiouo"

Suprema Corte di Cassazione

sezione V

sentenza  24 febbraio 2014, n. 8794

Ritenuto in fatto

1. Con sentenza del 21 novembre 2012 la Corte d’appello di Palermo confermava la condanna di P.E. per il reato di furto aggravato dall’esposizione della cosa alla pubblica fede in concorso con B.G. e ad oggetto una bicicletta.
2. Avverso la sentenza ricorre a mezzo dei proprio difensore il P. deducendo l’errata applicazione dell’art. 625 n. 7 c.p. in merito al riconoscimento dell’aggravante contestata, rilevando l’inconfigurabilità della medesima in ragione del fatto che il bene sottratto era oggetto di sorveglianza continuativa a mezzo di impianto di videosorveglianza “chiuso”.

Considerato in diritto

Il ricorso è inammissibile in quanto manifestamente infondato e generico.
Infatti per il costante insegnamento di questa Corte sussiste l’aggravante di cui all’art. 625, comma primo, n. 7 c.p. qualora il furto della cosa esposta alla pubblica fede sia commesso in un luogo avente un sistema di videosorveglianza, il quale, ancorché consenta la conoscenza postuma delle immagini registrate dalla telecamera, non costituisce di per sé una difesa idonea a impedire la consumazione dell’illecito attraverso un immediato intervento ostativo, né garantisce in maniera continuativa la custodia del bene da parte del proprietario o di altra persona addetta alla sua sorveglianza (Sez. 5, n. 6682/08 del 8 novembre 2007, Manno, Rv. 239095; Sez. 5, n. 35473 del 20 maggio 2010, Canonica, Rv. 248168).
La Corte distrettuale ha fatto corretta applicazione di tale principio, mentre il ricorrente non ha saputo indicare da quali circostanze di fatto dovrebbe dedursi che il sistema di videosorveglianza fosse governato da un operatore addetto a controllare in maniera continuativa le immagini trasmesse dalla telecamera per di più in luogo idoneo a garantire una tempestiva reazione all’azione furtiva. Quanto infine al precedente menzionato dal ricorrente è appena il caso di rilevarne l’inconferenza, riguardando il medesimo ben altra fattispecie (quella dell’antifurto satellitare) e ciò a tacere del fatto che lo stesso in ogni caso ribadisce il principio per cui solo una vigilanza continuativa è in grado di escludere l’aggravante di cui si tratta.
Alla declaratoria di inammissibilità dei ricorso consegue ai sensi dell’art. 616 c.p.p. la condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali e al versamento della somma, ritenuta congrua, di euro mille alla cassa delle ammende.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali e della somma di euro 1.000 in favore della Cassa delle Ammende.

Lascia un commento