Cassazione penale 2014

Corte di Cassazione, sezione II, sentenza 23 gennaio 2014, n. 3253. Escluso il divieto di utilizzazione delle intercettazione quando tra il contenuto dell’originaria notizia di reato, alla base dell’autorizzazione, e quello dei reati per cui si procede vi sia una stretta connessione sotto il profilo oggettivo, probatorio, o finalistico

Intercettazioni

Suprema Corte di Cassazione

sezione II
sentenza 23 gennaio 2014, n. 3253

REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SEZIONE SECONDA PENALE
Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:
Dott. CARMENINI Secondo Liber – Presidente
Dott. CASUCCI Giuliano – Consigliere
Dott. MACCHIA Alberto – Consigliere
Dott. TADDEI Margherita – Consigliere
Dott. DIOTALLEVI Giovanni – rel. Consigliere
ha pronunciato la seguente:
SENTENZA
sul ricorso proposto da:
– (OMISSIS) nato a (OMISSIS);
avverso l’ordinanza in data 27 marzo 2013 del Tribunale del Riesame di Ancona;
Sentita la relazione fatta dal consigliere Dott. Giovanni Diotallevi;
sentite le conclusioni del P.G. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. Giuseppina Maria Fodaroni, che ha concluso per la declaratoria d’inammissibilita’ del ricorso;
sentito l’avv.to (OMISSIS), del foro di (OMISSIS), di fiducia, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.
RITENUTO IN FATTO
(OMISSIS) ha proposto ricorso per cassazione avverso l’ordinanza in data 27 marzo 2013 del Tribunale del Riesame di Ancona, con la quale e’ stato rigettato il ricorso avverso l’ordinanza del G.I.P. del Tribunale di Ancona in data 26 febbraio 2013, con cui e’ stata applicata nei suoi confronti la misura degli arresti domiciliari in relazione al reato di associazione a delinquere finalizzata alla commissione dei reati di ricettazione e riciclaggio e in ordine a singoli reati fine. A sostegno dell’impugnazione (OMISSIS) ha dedotto:
a) Violazione dell’articolo 606, lettera b) ed e) in relazione agli articoli 125, 294, 273 e 309 c.p.p., articoli 416 e 648 bis c.p. e Legge n. 264 del 1991, articolo 6.
Il ricorrente censura la sussistenza dei gravi indizi di colpevolezza ritenuti sussistenti dal TDL, anche in considerazione della scarsa cura messa, secondo l’accusa, da pare del ricorrente nel controllo delle pratiche da lui trattate; in realta’ le anomalie emerse nel corso delle indagini relative con particolare all’autenticita’ dei documenti sono state scoperte grazie a sofisticate apparecchiature, circostanza che escluderebbe qualsiasi responsabilita’ in capo al ricorrente. Inoltre le pratiche falsificate relative ad autovetture oggetto di riciclaggio sono state evase anche presso altri uffici della M.C. senza che venissero riscontrate anomalie. Infine le pratiche falsificate riguarderebbero un numero talmente esiguo di autovetture, rispetto a quelle complessivamente oggetto della procedura contestata, che non sarebbe significativo per dimostrare la responsabilita’ del ricorrente e dell’Agenzia collegata di Palermo del coimputato (OMISSIS). In realta’ l’unico interesse che avrebbe spinto il ricorrente ad indirizzare le pratiche presso U.M.C, di Palermo sarebbe stato quello della velocita’ dell’espletamento della pratica di nazionalizzazione dell’autovettura rispetto ad altri U.M.C..
Contesta infine che la collaborazione tra il (OMISSIS) e il (OMISSIS) possa essere elemento individualizzante la consapevolezza dell’esecuzione di un’operazione illecita e dell’appartenenza al medesimo sodalizio criminale. Le riprese video all’interno della stanza occupata dal coindagato (OMISSIS) e le intercettazioni non farebbero emergere elementi significativi in ordine alla sussistenza dei gravi indizi di responsabilita’. In ogni caso il ritenuto negligente controllo delle pratiche da parte del (OMISSIS) non troverebbe elementi significativi nella contestata esecuzione del’attivita’ di riciclaggio.
b) Violazione dell’articolo 606, lettera b) ed e) in relazione agli articoli 125, 294, 273 e 309 c.p.p., articolo 416 e 648 bis c.p. con riferimento alla dedotta inutilizzabilita’ degli esiti d elle intercettazioni audio e video di cui ai decreti autorizzativi n. 665/11, n. 939/11, 1102/11 e 119/111 emessi dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palermo relativamente al proc. pen. n. 18072/10.
Il ricorrente deduce l’inutilizzabilita’ dell’esito delle intercettazioni disposte nel diverso procedimento pendente presso la Procura di Palermo e indicato in epigrafe, concernente il reato di cui all’articolo 479 c.p., commesso in concorso da piu’ persone, in Palermo, non connesso o collegato a quello in esame.
e) Violazione dell’articolo 606 c.p.p., lettera b), c) ed e) in relazione all’articolo 125 c.p.p., articolo 309 c.p.p., commi 5 e 10, articoli 15 e 24 Cost..
Il ricorrente lamenta l’inutilizzabilitta’ delle suddette intercettazioni in quanto non sarebbero stati trasmessi i decreti autorizzativi al TDL, ed erroneamente il TDL avrebbe messo a carico del ricorrente l’onere di tale adempimento.
d) Violazione dell’articolo 606 c.p.p., lettera b) e c) in relazione agli articoli 125, 8 e 9 c.p.p. della Cost.
Il ricorrente contesta le motivazioni del TDL con cui e’ stata ritenuta corretta l’attribuzione della competenza al Tribunale di Ancona, in forza della residenza del presunto capo dell’associazione tale (OMISSIS) in (OMISSIS). La competenza doveva essere determinata in base al luogo dove sono stati commessi i reati fine, Napoli, Roma Foggia e eventualmente Palermo.
RITENUTO IN DIRITTO
1. Il ricorso e’ infondato.
2. Preliminarmente la Corte osserva che, nonostante l’intervenuta scarcerazione del ricorrente permane l’interesse dello stesso alla decisione in applicazione del principio giurisprudenziale in base al quale nel sistema processuale penale, la nozione di interesse ad impugnare non puo’ essere basata sul concetto di soccombenza – a differenza delle impugnazioni civili che presuppongono un processo di tipo contenzioso, quindi una lite intesa come conflitto di interessi contrapposti – ma va piuttosto individuata in una prospettiva utilitaristica, ossia nella finalita’ negativa, perseguita dal soggetto legittimato, di rimuovere una situazione di svantaggio processuale derivante da una decisione giudiziale, e in quella, positiva, del conseguimento di un’utilita’, ossia di una decisione piu’ vantaggiosa rispetto a quella oggetto del gravame, e che risulti logicamente coerente con il sistema normativo (v. Cass, Sez. Un., 27/10/2011., n. 6624, CED 251693). Pertanto in tema di ricorso avverso il provvedimento applicativo di una misura cautelare custodiale nelle more revocata, come nella fattispecie in esame permane l’interesse a coltivare l’impugnazione ove la parte intenda servirsi, come dichiarato a verbale, dell’eventuale pronuncia favorevole ai fini della richiesta di riparazione dell’ingiusta detenzione (Cass., Sez. 6, 21/03/2013, n. 19217, CED 255135).
3. Per quanto riguarda l’eccezione di incompetenza territoriale rileva la Corte che la stessa deve essere disattesa, condividendo la valutazione del Tribunale del riesame. Allo stato degli atti il TDL ha ritenuto corretta la competenza del Tribunale di Ancona proprio perche’ il capo dell’associazione risiede a Falconara marittima, dove non solo si e’ radicato il pactum sceleris, ma da dove sono partite le concrete direttive e si e’ effettivamente manifestata e realizzata l’operativita’ della struttura (V. Cass., sez. 2, 16 maggio 2012, n. 22953, CED 253189).
4. Per quanto riguarda l’inutilizzabilita’ del contenuto delle intercettazioni telefoniche osserva la Corte che anche in questo caso il ragionamento del TDL e’ condivisibile. Preliminarmente deve essere sottolineato che in tema di intercettazioni di conversazioni, seppur la riunione di procedimenti non e’ di per se’ condizione sufficiente ad escluderne la diversita’, in quanto, ai fini del divieto di utilizzazione ex articolo 270 cod. proc. pen., occorre far riferimento ad una nozione sostanziale di “diversita'”, quest’ultima puo’ essere esclusa in presenza di indagini strettamente connesse o collegate sotto il profilo oggettivo, probatorio e finalistico. (Sez. 6, 15/03/2012, n. 20910 Avena, CED. 252863). Pertanto la nozione di identico procedimento, che esclude l’operativita’ del divieto di utilizzazione previsto dall’articolo 270 cod. proc. pen., puo’ prescindere da elementi formali come il numero di iscrizione nel registro delle notizie di reato ed impone una valutazione sostanziale, con la conseguenza che il procedimento e’ considerato identico quando tra il contenuto dell’originaria notizia di reato, alla base dell’autorizzazione, e quello dei reati per cui si procede vi sia una stretta connessione sotto il profilo oggettivo, probatorio o finalistico (v. anche Sez. 6, 15/11/2012, n. 46244 del, P.G., Filippi e altri, CED 254285). In sostanza, ai fini del divieto di utilizzazione previsto dall’articolo 270 c.p.p., comma 1, il concetto di “diverso procedimento” va collegato al dato della alterita’ o non uguaglianza del procedimento, in quanto instaurato in relazione ad una notizia di reato che deriva da un fatto storicamente diverso da quello oggetto di indagine nell’ambito di altro, differente, anche se connesso, procedimento. (Sez. 2, n. 49930 del 11/12/2012 – dep. 28/12/2012, Perri e altro, Rv. 253916), e non quindi dal medesimo filone investigativo, da cui traggono origine procedimenti connessi, relativi alla medesima fattispecie criminosa, come e’ avvenuto nel caso in esame. Cio’ premesso devono ritenersi utilizzabili, ai fini cautelari, i risultati delle intercettazioni telefoniche, disposte a seguito di captazione eseguita in diverso procedimento, di cui non sia stato acquisito l’originario provvedimento autorizzativo ne’ sia stato effettuato alcun deposito ex articolo 270 cod. proc. pen., in quanto le risultanze dell’intercettazione del procedimento a quo influiscono sulle autorizzazioni relative al procedimento “ad quem” come mero presupposto di fatto, incidente sulla motivazione dei successivi, autonomi provvedimenti autorizzativi solo sotto il profilo della loro rilevanza ai fini della verifica dei “gravi indizi di reato”, richiesta dall’articolo 267 c.p.p., comma 1, mentre il deposito di cui all’articolo 270 c.p.p., comma 2, – da effettuarsi con le modalita’ previste dall’articolo 268 c.p.p., commi 6 e 8 – non rileva, a pena di inutilizzabilita’, nel corso delle indagini preliminari, trattandosi di adempimento che puo’ essere legittimamente procrastinato per esigenze investigative, non oltre il termine delle indagini stesse, ex articolo 268 c.p.p., comma 5. In ogni caso le esigenze della difesa risultano salvaguardate anche attraverso il deposito nel procedimento “diverso” degli atti concernenti le intercettazioni, anche perche’ la parte che eccepisce nel procedimento “ad quem” la mancanza o l’illegittimita’ dell’autorizzazione per opporsi all’utilizzabilita’ degli esiti di intercettazioni di conversazioni o comunicazioni in un procedimento diverso da quello nel quale esse furono disposte, ha l’onere di produrre il decreto autorizzativo (se del caso, richiedendone copia ex articolo 116 c.p.p.), in modo da porre il giudice in grado di verificare l’effettiva inesistenza nel procedimento “a quo” del controllo giurisdizionale prescritto dall’articolo 15 Cost.. (Sez. 6, n. 6875 del 15/01/2009 – dep. 17/02/2009, Pagano, Rv. 243671).
5. Per quanto riguarda la sussistenza dei gravi indizi di colpevolezza non vengono sostanzialmente sollevate censure se non relative ad elementi di fatto, tese a sminuire il ruolo avuto dal (OMISSIS) nella vicenda; la versione alternativa fornita dalla ricorrente non puo’ trovare ingresso in questa sede in quanto il ragionamento dei giudici del riesame non e’ assolutamente abnorme; al contrario lo stesso fa riferimento ad elementi oggettivi, riconosciuti dallo stesso gip con riferimento alla gravita’ degli indizi di colpevolezza, (l’accertato collegamento sistematico (OMISSIS) – (OMISSIS), la finalizzazione della loro collaborazione nell’opera di nazionalizzazione delle autovetture di provenienza illecita, l'”evasione di pratiche” automobilistiche, senza l’esecuzione di alcun effettivo controllo dal soggetto preposto ( (OMISSIS)) rispetto a documentazione prodotta dal (OMISSIS), secondo scadenze temporali predefinite, in assenza di qualsiasi prassi al riguardo, oltre che in contrasto con la disciplina vigente (v. in particolare pagg. 9 e 10 dell’ordinanza del TDL); il ruolo svolto nella commercializzazione delle autovetture proprio grazie all’interveto dell’Agenzia di Palermo e della collaborazione del (OMISSIS), a prescindere dal contenuto delle intercettazioni telefoniche). Anche sotto quest’ultimo profilo il ragionamento del Tribunale del riesame appare esente da censure logico giuridiche, proprio perche’ valorizza una analisi altamente probabilistica, saldamente ancorata allo svolgimento dei fatti in esame.
6. Con riferimento alle esigenze cautelari la scelta della misura, peraltro, e’ stata rapportata dal TDL al ruolo assunto dall’indagato nell’organizzazione, dal pericolo della reiterazione criminosa.
7. Alla luce delle suesposte considerazioni il ricorso deve essere rigettato e il ricorrente condannato al pagamento delle spese processuali.
P.Q.M.
Rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali.
Annunci

Lascia un commento o richiedi un consiglio