Corte di Cassazione, sezione II, sentenza 31 gennaio 2014 n. 2153. Non ha diritto a ulteriori compensi per la transazione l’avvocato che ha ricevuto da un condominio l’incarico di agire in via monitoria nei confronti di due condomini morosi se non prova di aver avuto anche uno specifico mandato a transigere

2

condominio quater

Il testo integrale

Corte di Cassazione, sezione II, sentenza 31 gennaio 2014 n. 2153[1]

 

Deve considerarsi che tra gli atti necessari al compimento del mandato che, ai sensi dell’art. 1708 cc., sono ricompresi nel suo ambito, vanno considerati quelli che si riconnettono all’attività espressamente consentita e ne costituiscono l’ulteriore svolgimento naturale, e non anche quelli che non si pongano come necessari e consequenziali per l’adempimento del mandato, costituendone invece un ulteriore sviluppo, attraverso una dilatazione dell’oggetto; ed è evidente che un simile nesso è comunque insussistente nella fattispecie, laddove l’attività di transazione nel confronti dei condomini morosi si pone come meramente eventuale ed ulteriore rispetto a quella originaria volta alla realizzazione dei crediti vantati verso gli stessi


[1] Testo scaricabile e consultabile dal portale giuridico del Sole24Ore – Guida al Diritto
http://www.diritto24.ilsole24ore.com/guidaAlDiritto/civile/civile/sentenzeDelGiorno/2014/01/parcella-condomini-morosi-la-transazione-esula-dal-mandato-ad-agire-in-via-monitoria.html

                         Archivio sentenze ordinanze

 sentenze-ordinanze/cassazione-civile-2011/

    sentenze-ordinanze/cassazione-civile-2012/ 

 sentenze-ordinanze/cassazione-civile-2013/

 sentenze-ordinanze/cassazione-civile-2014/

 

     Studio legale D’Isa

@AvvRenatoDIsa

     renatodisa.com

 Avv.renatodisa