Cassazione penale 2014

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 20 gennaio 2014 n. 2326. Tre episodi di violenza, due sul figlio e uno sulla moglie, in un periodo di tre anni non configurano il reato di maltrattamenti in famiglia. I fatti occasionali ed episodici, pur penalmente rilevanti in relazione ad altre figure di reato (ingiurie, minacce, lesioni) determinati da situazioni contingenti (ad es. rapporti interpersonali connotati da permanente conflittualità) e come tali insuscettibili di essere inquadrati in un una cornice unitaria, non possono assurgere alla definizione normativa di cui all’art. 572 cod. pen.

abusi-sui-minori

Il testo integrale

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 20 gennaio 2014 n. 2326[1]

Il reato de quo richiede per la sua configurazione, una serie abituale di condotte che possono estrinsecarsi in atti lesivi dell’integrità psicofisica, dell’onore, del decoro o di mero disprezzo e prevaricazione del soggetto passivo, attuati anche in un arco temporale ampio, ma entro il quale possono agevolmente essere individuati come espressione di un costante atteggiamento dell’agente di maltrattare o denigrare il soggetto passivo.

Secondo la Corte, contrariamente, i fatti occasionali ed episodici, pur penalmente rilevanti in relazione ad altre figure di reato (ingiurie, minacce, lesioni) determinati da situazioni contingenti (ad es. rapporti interpersonali connotati da permanente conflittualità) e come tali insuscettibili di essere inquadrati in un una cornice unitaria, non possono assurgere alla definizione normativa di cui all’art. 572 cod. pen..

Per queste ragioni l’ordinanza è stata annullata con rinvio e ora il tribunale competente dovrà <argomentare in maniera più esauriente circa la possibilità di ravvisare nei fatti e negli episodi prospettati dall’accusa pubblica e privata il reato di maltrattamenti.

 


Annunci

Lascia un commento o richiedi un consiglio