Cassazione penale 2014

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 3 gennaio 2014 n. 99. Non può essere disposta una misura cautelare ai danni della direttrice di una scuola dove alcune insegnanti hanno lamentato degli abusi ai danni dei bambini ad opera di una collega, sulla base di una non meglio motivata omissione del dovere di vigilanza

abusi-sui-minori

Il testo integrale

  www.studiodisa.it

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 3 gennaio 2014 n. 99[1]

La direttrice aveva comunque invitato le denuncianti <a mettere per iscritto quanto da loro ritenuto riprovevole nella condotta della insegnante. Non solo, aveva anche indetto una riunione tra tutti gli insegnanti alla presenza della psicologa: condotta – osserva la sentenza – difficilmente compatibile con una volontà di coprire responsabilità.

Per la Cassazione non sembra dunque emergere un sufficiente quadro indiziario circa una volontà della direttrice di disinteressarsi del comportamento tenuto nella sua classe>> risultando allo stato << solo una sua sottovalutazione della rilevanza – disciplinare o penale – dei fatti.

 

Annunci

1 risposta »

Lascia un commento o richiedi un consiglio