Cassazione penale 2013

Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 3 dicembre 2013 n. 48120. Illegittimi gli arresti domiciliari per il proprietario di una azienda agricola dove sono state rinvenute 1.070 piante di canapa indiana, se il reale gestore del fondo è il padre, e la coltivazione è iniziata contro la sua volontà

Il testo integrale[1]

Nella difesa l’imputato aveva sostenuto di essere soltanto nominalmente il proprietario dell’azienda per via del fatto che il padre già dichiarato fallito non poteva esserne l’intestatario pur essendo l’unico a lavoravi.

Inoltre, egli era venuto a conoscenza per caso, e soltanto pochi mesi prima, che in una delle cinque serre si coltivavano piante di canapa indiana, e a quel punto sarebbe entrato in contrasto col padre.

Tutte ragioni in qualche modo date acquisite dall’ordinanza impugnata che tuttavia ha ritenuto comunque sussistenti i gravi indizi di colpevolezza perché non è sufficiente, per escludere il concorso nel reato, affermare solo a parole che non si condividono le scelte illecite del genitore e litigare con lui. Dal momento che in qualità di titolare dell’azienda agricola egli rivestiva un ruolo di indubbia, oggettiva responsabilità, che implica … una evidente forma di agevolazione della stessa sotto il profilo dell’apporto non solo morale, ma anche logistico-fattuale.

Però per la Corte Suprema  siamo di fronte ad “una motivazione erronea”  che “sembra avere inammissibilmente attribuito all’attuale ricorrente una sorta di responsabilità oggettiva”, oltre che un obbligo giuridico di denuncia del padre, “inesistenti nel nostro ordinamento”.

 

Annunci

Lascia un commento o richiedi un consiglio