Cassazione penale 2013

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 18 ottobre 2013 n. 42849. Non commette il reato d’abuso d’ufficio nello svolgimento della funzione o del servizio il sindaco che con la moglie, ex sindaco, fa uso di una strada pubblica per fini privati, parcheggiandovi le proprie autovetture e rendendola di fatto impraticabile al transito pedonale di tutti i cittadini

www.studiodisa.it

Il testo integrale

 www.studiodisa.it

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 18 ottobre 2013 n. 42849[1]

La natura pubblica della traversa ove vige un divieto di transito, ma non anche un divieto di sosta, ne consente comunque la fruizione, per finalità di sosta, a tutti gli utenti della strada, non risultandone impedito l’accesso, da parte di chiunque, sul versante opposto a quello ove si trova posizionata la fioriera: la permanenza di autovetture in sosta, infatti, non impedisce il passaggio pedonale, ovvero il transito di carrozzelle per disabili.

Del resto, conclude la Suprema corte, l’art. 323 cod, pen., con il richiamo alla locuzione ‘nello svolgimento della funzione o del servizio’, richiede che il funzionario realizzi la condotta illecita agendo nella sua veste di pubblico ufficiale o di incaricato dl pubblico servizio, con la conseguenza che rimangono privi di rilievo penale quei comportamenti, che, quand’anche posti in violazione del dovere di correttezza, siano tenuti come soggetto privato senza servirsi In alcun modo dell’attività funzionale svolta.

 

Annunci

Lascia un commento o richiedi un consiglio