Corte di Cassazione, sezione I, sentenza 18 settembre 2013 n. 21273. Al genitore separato se facoltoso può essere imposto il pagamento dell’80% delle spese straordinarie della minore

5

assegno_firma

Il testo integrale

www.studiodisa.it 

Corte di Cassazione, sezione I, sentenza 18 settembre 2013 n. 21273[1]

 

Sussiste l’obbligo di entrambi i genitori, che svolgono attività lavorativa produttiva di reddito, di contribuire al soddisfacimento dei bisogni dei figli minori, in proporzione alle proprie disponibilità economiche, ai sensi degli art. 147 e 148 c.c., in diretta applicazione dell’art. 30 Cost., e pure dell’art. 155 c.c., il giudice può disporre, ove necessario, la corresponsione di un assegno periodico, al fine di realizzare tale principio di proporzionalità, e, nel determinare l’importo dell’assegno per il minore, deve considerare le ‘attuali esigenze del figlio’, che si concretizzano in bisogni, abitudini, legittime aspirazioni della minore, e in genere nelle sue prospettive di vita, le quali non potranno non risentire del livello economico-sociale in ari si colloca la figura del genitore