Cassazione civile 2013

Corte di Cassazione, sezioni unite, sentenza 5 luglio 2013 n. 16884. L’avvio dell’azione disciplinare nei confronti dell’avvocato da parte dell’ordine territoriale non è autonomamente impugnabile

cassazione

Il testo integrale

 www.studiodisa.it

Corte di Cassazione, sezioni unite, sentenza 5 luglio 2013 n. 16884[1]

Il fatto che l’atto di apertura del procedimento disciplinare disposto dal Consiglio dell’ordine territoriale a carico di un avvocato non costituisca una decisione ai sensi dell’ordinamento professionale forense, bensì sia da qualificarsi come mero atto amministrativo, il quale non incide, in maniera definitiva, sul relativo status professionale, e non decide questioni pregiudiziali a garanzia dei corretto svolgimento della procedura (così S.U. n. 28335 del 2011 ) – e come tale non è autonomamente impugnabile davanti al Consiglio nazionale forense – , non determina automaticamente la sua impugnabilità davanti al giudice amministrativo.
La qualificazione di atto amministrativo dell’atto di avvio del procedimento disciplinare, peraltro, ai di là dei rilievi evidenziati, non conforta la tesi della sua impugnabilità davanti al giudice amministrativo, anche per la sua natura di atto interno al procedimento (endoprocedimentale) amministrativo che si svolge davanti al Consiglio dell’ordine locale, privo dl una sua autonoma rilevanza esterna.
Rilevante è, invece, il provvedimento definitivo, nel quale confluisce al termine del procedimento disciplinare in sede locale; provvedimento questo, impugnabile davanti all’Organo giurisdizionale provvisto di giurisdizione: il Consiglio Nazionale forense

Annunci

Lascia un commento o richiedi un consiglio