Cassazione penale 2013

Corte di Cassazione, sezione IV, sentenza 5 luglio 2013 n. 28808. Il coordinatore per la sicurezza del cantiere deve non solo informare dei rischi ma anche esercitare un controllo effettivo e continuo sul lavoro degli operai delle diverse ditte

www.studiodisa.it

Il testo integrale

 www.studiodisa.it

Corte di Cassazione, sezione IV, sentenza 5 luglio 2013 n. 28808[1]

Presidente dott. Claudio D’Isa

In tema di prevenzione antinfortunistica, al coordinatore per la sicurezza dei lavori non è assegnato esclusivamente il compito di organizzare il lavoro tra le diverse imprese operanti nello stesso cantiere, bensì anche quello di vigilare sulla corretta osservanza da parte delle stesse delle prescrizioni del piano di sicurezza e sulla scrupolosa applicazione delle procedure di lavoro a garanzia dell’incolumità dei lavoratori spettando al ridetto coordinatore dei lavori la titolarità di un’autonoma posizione di garanzia che, nei limiti degli obblighi specificamente individuati dalla legge, si affianca a quelle degli altri soggetti destinatari delle norme antinfortunistiche, e comprende, non solo l’istruzione dei lavoratori sui rischi connessi alle attività lavorative svolte e la necessità di adottare tutte le opportune misure di sicurezza, ma anche la loro effettiva predisposizione, nonché il controllo continuo ed effettivo sulla concreta osservanza delle misure predisposte al fine di evitare che esse siano trascurate o disapplicate, nonché, infine, il controllo sul corretto utilizzo, in termini di sicurezza, degli strumenti di lavoro e sul processo stesso di lavorazione.

Il coordinatore per la sicurezza dei lavori è dunque tenuto a verificare, attraverso un’attenta e costante opera di vigilanza, l’eventuale sussistenza di obiettive situazioni di pericolo nel cantiere, e tanto, in relazione a ciascuna fase dello sviluppo dei lavori in corso di esecuzione

 

Annunci

Lascia un commento o richiedi un consiglio