Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 12 giugno 2013 n. 25823. Il deposito dell’atto di nomina dei difensore di fiducia presso l’autorità precedente può essere effettuato, quando non vi è dubbio sull’esistenza dei rapporto fiduciario, sull’originalità dell’atto e sulla sua provenienza, anche da altro soggetto all’uopo delegato, anche verbalmente, dal difensore nominato

0

www.studiodisa.it

Il testo integrale

www.studiodisa.it 

Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 12 giugno 2013 n. 25823[1]

Il deposito dell’atto di nomina dei difensore di fiducia presso l’autorità precedente può essere effettuato, quando non vi è dubbio sull’esistenza dei rapporto fiduciario, sull’originalità dell’atto e sulla sua provenienza, anche da altro soggetto all’uopo delegato, anche verbalmente, dal difensore nominato (praticante avvocato o altro addetto allo studio), poiché la consegna in tal modo effettuata soddisfa comunque le condizioni indicate dall’art. 96 cod. proc. pen.