Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 3 aprile 2013 n. 15334. Integra il reato di violenza sessuale la condotta di chi prosegua un rapporto sessuale quando il consenso della vittima, originariamente prestato, venga poi meno a causa di un ripensamento o della non condivisione della modalità di consumazione del rapporto

/, Diritto Penale e Procedura Penale, Sentenze - Ordinanze/Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 3 aprile 2013 n. 15334. Integra il reato di violenza sessuale la condotta di chi prosegua un rapporto sessuale quando il consenso della vittima, originariamente prestato, venga poi meno a causa di un ripensamento o della non condivisione della modalità di consumazione del rapporto

Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 3 aprile 2013 n. 15334. Integra il reato di violenza sessuale la condotta di chi prosegua un rapporto sessuale quando il consenso della vittima, originariamente prestato, venga poi meno a causa di un ripensamento o della non condivisione della modalità di consumazione del rapporto

maltrattamenti-violenza

Il testo integrale

www.studiodisa.it 

Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 3 aprile 2013 n. 15334[1]

Lascia un commento o richiedi un consiglio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: