Cassazione penale 2013

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 12 marzo 2013 n. 11792. In tema di anticorruzione

www.studiodisa.it

Il testo integrale

 www.studiodisa.it

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 12 marzo 2013 nn. 11792[1]

Vi è continuità normativa tra le nuove disposizioni in materia di istigazione alla corruzione contenute nei commi 1 e 3 dell’art. 322 cod. pen., come sostituite dalla legge n. 190 del 2012, e le previgenti disposizioni contenute negli stessi commi, in quanto la finalità di tali modifiche è stata esclusivamente quella di adeguare le due fattispecie incriminatrici della istigazione alla corruzione, ivi previste, alla nuova figura criminosa della corruzione per l’esercizio delle funzioni, di cui all’art. 318 cod. pen., anch’esso sostituito dalla stessa legge n. 190 del 2012: ciò fatto salvo il divieto dl applicazione retroattiva delle nuove norme, ex art. 2 comma 4 cod. pen., nella parte in cui risultano ampliata la portata operativa della nuova fattispecie di corruzione di cui al predetto art. 318 (che assorbe la ‘vecchia’ ipotesi della corruzione impropria) ed incrementata la relativa cornice sanzionatoria

Annunci

Lascia un commento o richiedi un consiglio