Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 26 febbraio 2013 n. 4781. Gli eredi dell’avvocato devono risarcire il danno provocato da responsabilità professionale

/, Diritto Civile e Procedura Civile, Illecito aquiliano (o extracontrattuale), Responsabilità e deontologia professionale, Sentenze - Ordinanze/Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 26 febbraio 2013 n. 4781. Gli eredi dell’avvocato devono risarcire il danno provocato da responsabilità professionale

Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 26 febbraio 2013 n. 4781. Gli eredi dell’avvocato devono risarcire il danno provocato da responsabilità professionale

www.studiodisa.it

 

Il testo integrale

www.studiodisa.it

Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 26 febbraio 2013 n. 4781[1]

 

L’errore professionale per così dire definitivo e fonte ultima del danno, cioè quello compiuto per la mancata impugnazione della sentenza, ha prodotto la conseguenza di rendere del tutto inutile l’attività professionale pregressa in quanto finalizzata a tutelare il diritto fatto valere in giudizio dal ricorrente, e quindi ha posto il professionista in una condizione per cui la sua prestazione, che egli era stato chiamato a svolgere per l’assicurazione della detta tutela, si doveva ritenere totalmente inadempiuta, perché risultava non aver prodotto alcun effetto a favore del cliente e ciò sia dal punto di vista del risultato, se l’obbligazione dedotta nel contratto di prestazione di opera si considerasse di risultato per la non eccessiva difficoltà della vicenda nella quale si è concretato l’errore, sia dal punto di vista della prestazione del mezzo della propria prestazione d’opera, se la si considerasse come obbligazione di mezzi”.

La situazione si doveva considerare di inadempimento totale anche per le prestazioni eseguite prima della sentenza di estinzione, perché esse risultavo espletate inutiliter e, quindi, come se non fossero state espletate e ciò per colpa del de cuius, consistita nella omissione dell’impugnazione in presenza di omessa informazione alla cliente sulla sua possibilità e nella conseguente preclusione della tutela giurisdizionale della situazione del ricorrente, con derivata perdita del diritto.

 

Lascia un commento