Corte di Cassazione, sezioni unite civili, sentenza 20 febbraio 2013 n. 4213. Nei confronti del creditore che propone istanza di ammissione al passivo del fallimento, in ragione di un suo preteso credito, il curatore è terzo e non parte

/, Diritto Fallimentare, Sentenze - Ordinanze, Sezioni Unite/Corte di Cassazione, sezioni unite civili, sentenza 20 febbraio 2013 n. 4213. Nei confronti del creditore che propone istanza di ammissione al passivo del fallimento, in ragione di un suo preteso credito, il curatore è terzo e non parte

Corte di Cassazione, sezioni unite civili, sentenza 20 febbraio 2013 n. 4213. Nei confronti del creditore che propone istanza di ammissione al passivo del fallimento, in ragione di un suo preteso credito, il curatore è terzo e non parte

fallimento-impresa

Il testo integrale

 www.studiodisa.it

Corte di Cassazione, sezioni unite civili, sentenza 20 febbraio 2013 n. 4213[1]

Nei confronti del creditore che propone istanza di ammissione al passivo del fallimento, in ragione di un suo preteso credito, il curatore è terzo e non parte, circostanza da cui discende l’applicabilità dei limiti probatori indicati dall’articolo 2074 del codice civile

Lascia un commento