Corte di Cassazione, sezione V, sentenza 6 novembre 2012 n. 42954. Reato di ingiuria per l’avvocato che accusa di essere inqualificabile un proprio collegareo di un comportamento scorretto che poi tale non si è dimostrato

/, Responsabilità e deontologia professionale, Sentenze - Ordinanze/Corte di Cassazione, sezione V, sentenza 6 novembre 2012 n. 42954. Reato di ingiuria per l’avvocato che accusa di essere inqualificabile un proprio collegareo di un comportamento scorretto che poi tale non si è dimostrato

Corte di Cassazione, sezione V, sentenza 6 novembre 2012 n. 42954. Reato di ingiuria per l’avvocato che accusa di essere inqualificabile un proprio collegareo di un comportamento scorretto che poi tale non si è dimostrato

 

Il testo integrale

 

Corte di Cassazione, sezione V, sentenza 6 novembre 2012 n. 42954[1]

La testuale lettera: “Siamo certi che saprà prendere atto della propria inqualificabile condotta e, pentendosi, restituire quanto di diritto alla mia assistita, e ciò eviterà serie conseguenze al prosieguo della attività professionale”

Lascia un commento