Corte di Cassazione, sezione V, sentenza 15 maggio 2012 n. 18687. Falso ideologico per i medici di base quando rilasciano certificati medici di malattia per telefono

3

 

Il testo integrale[1]

Aprire il seguente collegamento

 

Corte di Cassazione, sezione V, sentenza 15 maggio 2012 n. 18687

Così deciso dalla Suprema Corte

Secondo la Corte di Piazza Cavour  la falsa attestazione attribuita al medico non attiene tanto alle condizioni di salute della paziente, quanto piuttosto al fatto che egli ha emesso il certificato senza effettuare una previa visita e senza alcuna verifica oggettiva delle sue condizioni di salute, non essendo consentito al sanitario effettuare valutazioni o prescrizioni semplicemente sulla base di dichiarazioni effettuate per telefono dai suoi assistiti.

Ciò rende irrilevanti le considerazioni sulla effettiva sussistenza della malattia o sulla induzione in errore da parte della paziente.

 

Sorrento, 15 maggio 2012.

Avv. Renato D’Isa