Cassazione civile 2011

Corte di Cassazione, Sezione IV penale, sentenza n. 13745/11 depositata il 7/4/2011. In caso di incidente stradale è possibile l’accertamento dello stato di ebbrezza anche dagli organi di polizia con l’uso dell’etilometro.

Il commento in originale

Corte di cassazione – Sezione IV penale – Sentenza n. 13745-11 – In caso di incidente stradale è possibile l’accertamento dello stato d’ebrezza anche dagli organi di polizia

Il testo integrale

Corte di Cassazzione – IV sezione Penale – Sentenza n. 13745-11

L’accertamento dello stato di ebbrezza può essere fatto anche nel momento stesso dell’incidente, anche nel caso in cui il guidatore abbia riportato diverse lesioni.

La IV sezione della S.C. con la sentenza 13745/11 ha inoltre precisato che l’articolo 186 comma 5[1],, del codice dalla strada “nel prevedere per i conducenti che sono coinvolti in incidenti stradali e necessitano di ricovero in ospedale, l’accertamento dello stato di ebbrezza possa essere effettuato, su richiesta della Polizia Stradale, da parte delle strutture sanitarie, non stabilisce una modalità tassativa ed esclusiva di accertamento dello stato di ebbrezza in tali situazioni, e non esclude che l’accertamento possa essere effettuato anche dagli organi di polizia con l’etilometro”.  Continua la S.C. “si tratta solo di una modalità aggiuntiva e di una facoltà attribuita alla Polizia stradale, essendo evidente che decidere la necessità di procedere nell’uno o nell’altro modo dipenderà dalle circostanze del singolo caso, ed il primo sarà da privilegiare ove primaria si rilevi l’esigenza di assicurare la salute del guidatore rimasto coinvolto nell’incidente allorchè il medesimo abbia riportato ferite“.

Sarà a discrezione dell’organo accertatore decidere di volta in volta in quale modo sia più opportuno procedere.

I giudici di legittimità sottolineano comunque che “l’accertamento effettuato con l’alcoltest è in ogni caso pienamente legittimo ed ha pieno valore probatorio“.


[1] Art. 186. Guida sotto l’influenza dell’alcool (1) 5.

Per i conducenti coinvolti in incidenti stradali e sottoposti alle cure mediche, l’accertamento del tasso alcoolemico viene effettuato, su richiesta degli organi di Polizia stradale di cui all’art. 12, commi 1 e 2, da parte delle strutture sanitarie di base o di quelle accreditate o comunque a tali fini equiparate. Le strutture sanitarie rilasciano agli organi di Polizia stradale la relativa certificazione, estesa alla prognosi delle lesioni accertate, assicurando il rispetto della riservatezza dei dati in base alle vigenti disposizioni di legge. Copia della certificazione di cui al periodo precedente deve essere tempestivamente trasmessa, a cura dell’organo di polizia che ha proceduto agli accertamenti, al prefetto del luogo della commessa violazione per gli eventuali provvedimenti di competenza (9). Si applicano le disposizioni del comma 5-bis dell’art. 187.

Annunci

Lascia un commento o richiedi un consiglio